Chievo Verona, Maran: «Bologna squadra tosta, servirà equilibrio»

51
maran
© foto www.imagephotoagency.it

Il tecnico del Chievo Verona presenta in conferenza stampa la sfida di domani sera con il Bologna. E torna sull’episodio discusso di Empoli

Dopo il pareggio in casa dell’Empoli, il Chievo Verona è atteso domani sera dalla sfida casalinga con il Bologna. Il tecnico gialloblu Rolando Maran ha presentato la sfida contro la squadra di Donadoni nella consueta conferenza stampa della vigilia.

L’ANALISI –  Queste le parole di Maran: «Domani sarà una sfida difficile contro un avversario tosto, perché il Bologna è una delle squadre che punta dichiaratamente a stare dietro le grandi. Hanno qualità, sono partiti bene e ci aspetta un test da prendere con le pinze, dovremmo essere bravi a mantenere i giusti equilibri. Loro in difficoltà nel finale di gara? Firmerei per una vittoria nel finale, ma sono convinto che certi numeri siano spesso frutto delle circostanze e del caso. Dovremmo essere pronti dal primo minuto e fare quello che dobbiamo fare dall’inizio alla fine, poi i gol quando vengono sono sempre ben accetti. I nuovi arrivi? Non nascondo che tutti meriterebbero più spazio, stanno facendo bene, stanno entrando nella nostra mentalità nel modo giusto e credo che non sia una cosa facile, ma lo stanno facendo nel migliore dei modi».

L’APPROCCIO – Il tecnico parla poi dell’atteggiamento da mettere in campo: «Sono convinto che quando sei artefice delle tue prestazioni riesci ad ottenere il meglio. Cercare di imporre il nostro gioco, anche contro avversari di caratura superiore, fa crescere l’autostima e la consapevolezza che puoi dare fastidio a tutti. E’ un processo lungo che richiede tempo, noi ci stiamo lavorando da due anni, ma sono convinto che sia l’aspetto mentale che aiuta a crescere e a ottenere risultati, poi come sempre è il campo a dare le risposte».

LA TECNOLOGIA NON AIUTA – Maran torna poi sull’episodio contestato del gol non concesso dalla goal line technology: «Si sta cercando di dare un aiuto al calcio, ma forse non è questo l’aiuto di cui il calcio ha bisogno. Sicuramente la tecnologia aiuterà anche se sull’occasione di domenica a rivederla sembra ancora dentro, ma dobbiamo fidarci. Non dobbiamo recriminare sugli episodi, perché credo che sia perdenti».

Condividi