Lippi su Juve-Real: «E’ la volta buona». Poi svela un retroscena sulla finale del ’96

lippi
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex tecnico della Juventus, Marcello Lippi, ha parlato in vista della finale di Champions League. Ecco le parole dell’allenatore

La Juventus non vince una Champions League dal 1996. All’epoca Marcello Lippi era il condottiero di una fantastica armata che è arrivata per tre anni consecutivi in finale di Champions. Lippi ha parlato al “Corriere dello Sport” in vista della finale di questa sera tra Juve e Real, caricando la sua ex squadra: «Come si vince la Champions? Sono la persona forse meno indicata, visto che ho fatto quattro finali di Champions, anzi cinque con la Champions asiatica, e ne ho vinte soltanto due. La Juventus mi pare che abbia creato le basi giuste per poterla vincere, questa volta. E’ aumentata la consapevolezza. Dopo la finale perduta con il Barcellona, hanno capito che dovevano aumentare la prestanza tecnica della squadra e l’hanno fatta crescere con grandi campioni come Higuain, come Dybala, l’esperienza di Khedira. Mi pare di poter dire che questa volta la Juve arriva alla finale con le credenziali giuste per poterla vincere». Lippi ha poi svelato un retroscena sulla finale del ’96 contro l’Ajax: «Una settimana prima della partita portai la squadra a cena, per stemperare un po’ gli animi. I giocatori alla fine mi chiesero ‘Mister, ma come li affronteremo?”’L’Ajax in quel momento dettava legge in Europa. E io risposi: ‘L’affronteremo giocando in una maniera che loro non hanno mai conosciuto. E cioè aggredendoli in tutte le zone del campo’. E così facemmo».

Condividi