Milik: «Napoli, sono qui anche grazie a Sarri»

31
arek milik
© foto www.imagephotoagency.it

Napoli: Milik parla del proprio rapporto con l’allenatore Sarri, fattore che ha contribuito a fargli scegliere la piazza azzurra in estate. Il polacco spiega poi le caratteristiche del gioco azzurro non tipicamente italiano

Vera e propria rivelazione di questo inizio di campionato, l’attaccante del Napoli Arkadiusz Milik è tra i bomber più prolifici del nostro campionato: niente male un giocatore chiamato a sostituire Gonzalo Higuain. Il polacco, intervistato in questi giorni dal sito ufficiale UEFA, ha parlato dei suoi primi mesi in azzurro e del rapporto speciale con l’allenatore Maurizio Sarri: «Lui è una persona speciale – ha detto l’ex Ajax – . Passa molto tempo ad insegnarci la tattica, questa cosa non mi era mai successa con nessuno in nessun altro club. Per me è difficile paragonarlo ad altri allenatori che ho avuto, vorrei non fare paragoni… Però sono contento di lavorare con lui ed il fatto che sia lui l’allenatore ha contribuito a farmi arrivare».

NAPOLI, MILIK: «QUI IL CALCIO NON È… ITALIANO» – Nonostante giochi nel campionato italiano, un campionato per sua stessa definizione difensivo e tattico, Milik tiene a specificare che non Sarri si gioca in un altro modo però: «So che la tattica è una caratteristica del calcio italiano e di tutti i club qui, però noi a Napoli giochiamo un calcio offensivo e non tipicamente italiano – specifica il polacco nell’intervista – . C’è comunque tattica ed è un mix che mi piace: giochiamo all’attacco, ma facciamo circolare il pallone e cerchiamo di essere pericolosi quando possiamo. Per me è un tipo di calcio molto bello».

Michele Ruotolo
Classe '88, capo-redattore e responsabile editoriale di Calcionews24. Spesso mi contraddico.
Condividi
Articolo precedente
iachini-udinese-settembre-2016Udinese: Iachini come il Trap, col santino in panchina
Prossimo articolo
mourinho manchester unitedMourinho: «Wenger? Un giorno gli spaccherò la faccia»