Ancelotti elogia il Napoli: «La rosa ci consente di gestire le tre competizioni»

Ancelotti elogia il Napoli: «La rosa ci consente di gestire le tre competizioni»
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Ancelotti dopo Napoli-Lazio, posticipo della 20ª giornata di Serie A: gli elogi a Milik e Fabian Ruiz

Carlo Ancelotti commenta ai microfoni di Sky Sport la vittoria maturata dal Napoli per 2-1 contro la Lazio nel posticipo di Serie A. Queste le dichiarazioni del tecnico: «Il campionato è molto importante, abbiamo un buon vantaggio sulla quinta in classifica e si possono gestire tutte e tre le competizioni. Questi ragazzi lo stanno dimostrando, anche oggi con diverse assenze il Napoli ha fatto molto bene. Non so se sia stato il miglior Napoli stagionale, ma abbiamo fatto molto bene e ho visto generosità da parte dei miei, sacrificio da parte di tutti e grande qualità».

Ancelotti si sofferma sulle prestazioni dei singoli, parlando del rendimento stagionale di due elementi importanti come Milik e Fabian Ruiz: «Milik può migliorare solo attraverso la continuità che sta avendo in questo momento. E’ stato fermo due anni per infortuni, ora il suo rendimento è di altissimo livello. A livello fisico abbiamo lavorato specificatamente per lui, in modo da concentrarsi sulla forza delle gambe, per un attaccante è normale necessitare di tempo e pazienza in vista del rientro ai propri livelli e così è stato. Fabian Ruiz vede il gioco molto bene, non ha preoccupazioni palla al piede e crea superiorità numerica. E’ veramente un grande centrocampista moderno. Tutti stanno dando questo rendimento, quindi non ci sarà una formazione titolare tipo».

Conclude infine Ancelotti: «Se Meret è il portiere titolare? Ha fatto poche partite, è un grande talento anche lui e devo dire che sono molto contento di tutti e tre i portieri perché tutti hanno fatto bene quando son stati chiamati in causa. Questa è questione di garanzia, c’è il giusto mix di talento, esperienza e gioventù. Credo che Meret può crescere e fare miglioramenti anche grazie all’esperienza e la personalità che mostrano Ospina e Karnezis. Vertice? Non ci poniamo obiettivi a lungo termine, adesso abbiamo due gare col Milan la prossima settimana. Dobbiamo rimanere con la testa lì, qualcosa può succedere».