Ancelotti ha deciso: «La prossima volta ci fermiamo… e ci facciano gol» – VIDEO

Ancelotti prende nuovamente posizione dopo gli episodi di Inter-Napoli: il tecnico azzurro minaccia una dura reazione in caso di nuovi ululati razzisti a uno dei suoi giocatori

L’onda lunga degli episodi di San Siro durante Inter-Napoli, con gli ululati nei confronti di Kalidou Koulibaly che hanno riproposto al centro dell’attenzione il problema del razzismo, ha fatto discutere gli allenatori (e non solo) di Serie A anche nella giornata di ieri. A prendere nuovamente – e definitivamente – posizione è stato il tecnico azzurro Carlo Ancelotti, che ha confermato la volontà di fermare la squadra in caso di nuovi episodi del genere. Per l’allenatore del Napoli, qualora l’arbitro – come già avvenuto contro l’Inter – non dovesse concedere la sospensione del match, l’unica reazione possibile sarebbe quella di intimare ai propri giocatori di bloccarsi in campo (uscire dal campo implicherebbe invece automaticamente la sconfitta a tavolino).

«La UEFA ha detto che eravamo nel giusto (nell’esigere la sospensione del match, ndr) e questo mi conforta, mi meraviglia che però il presidente della FIGC e il presidente degli arbitri abbiano detto il contrario – le parole di Ancelotti ieri in conferenza stampa subito dopo il match vinto contro il Bologna . L’arbitro poteva interrompere la partita e non l’ha fatto, quindi se non ha commesso un errore tecnico, come quello della giusta espulsione di Koulibaly o quello della giusta espulsione di Lorenzo Insigne, ha sbagliato a non interrompere temporaneamente la gara come da protocollo UEFA. Se dovesse succedere ancora, e spero non succeda più, noi ci fermeremo. Non andremo via, ci fermeremo sul campo… poi che ci facciano gol».