Camorra, 3 arresti: «Frequentavano i calciatori del Napoli». Chiuso il locale dell’addio di Reina

Iscriviti
carabinieri auto
© foto www.imagephotoagency.it

Problemi extra-campo. Arrestati tre imprenditori con l’accusa di agevolare le attività dei clan della camorra. I tre avrebbero avuto dei rapporti con i calciatori del Napoli

Gabriele, Francesco e Giuseppe Esposito, residenti nel quartiere napoletano di Posillipo sono stati arrestati con l’accusa di intestazione fittizia di beni con l’aggravante di aver commesso il fatto al fine di agevolare le attività dei clan della camorra Contini e Sarno. Insieme a loro sono arrivate delle misure cautelari per le mogli di due degli imprenditori e per un sesto indagato, pare un prestanome dei tre. I soggetti in questioni sono famosi nella movida napoletana e organizzavano delle feste anche con i calciatori del Napoli.

I tre, oltre ad avere interessi nel settore della commercializzazione e distribuzione di giocattoli, delle agenzie di scommesse e dei ristoranti, sono proprietari di un locale, la nota discoteca nella zona di Coroglio, la ‘Club Partenopeo’, messa ora sotto sequestro. Si tratta del locale nel quale si è svolta la festa d’addio per Pepe Reina, pronto a lasciare il Napoli per il Milan. «I fratelli Esposito grazie al loro elevato tenore di vita, frequentavano assiduamente calciatori della squadra del Napoli – spiegano gli investigatori – nonché soggetti legati alla criminalità organizzata, con i quali non solo condividevano il tempo libero organizzando scommesse su partite di calcio, viaggi e serate nei più noti locali di Napoli venendo in contatto anche con gente del mondo dello spettacolo, ma dalla cui amicizia traevano anche benefici».