Come cambia il Milan con Piatek: 3 i moduli possibili – FOTO

Come cambia il Milan con Piatek: 3 i moduli possibili – FOTO
© foto www.imagephotoagency.it

Come giocherà il Milan con Piatek e senza Higuain? Tre i moduli allo studio di Gattuso per dare spazio al polacco in arrivo dal Genoa, ma anche all’altro nuovo acquisto Paquetà

L’arrivo di Krzysztof Piatek al Milan non è ancora ufficiale (questione di ore), ma Gennaro Gattuso avrà comunque già da pensare a come utilizzare il nuovo attaccante, arrivato in sostituzione di Gonzalo Higuain (diretto al Chelsea) da qui alla fine della stagione. Sì, perché il polacco del Genoa lì davanti non sarà solo: Ringhio non potrà non tenere conto delle prestazioni sempre più in crescendo di Patrick Cutrone, così come dell’altro nuovo innesto, il brasiliano Lucas Paquetà, che è fortemente spinto dalla dirigenza rossonera. Non è un caso che l’opzione numero uno per il tecnico milanista sia proprio quella di un 4-3-3 con Piatek punta centrale affiancato da Hakan Calhanoglu (suo pupillo nonostante le prestazioni altalenanti) e Suso. Alle spalle, appunto, Paquetà in posizione di esterno di centrocampo con Franck Kessié e Tiemoué Bakayoko.

Ad essere sacrificato in una posizione troppo arretrata però in quel caso sarebbe proprio l’ex Flamengo, che allora potrebbe essere inserito alle spalle di un’unica punta (Piatek?) al centro insieme a Suso e Calhanoglu: un tridente arretrato per un 4-2-3-1 in cui Kessié e Bakayoko di assumerebbero la gran parte della gravosità dei compiti difensivi a centrocampo. E Cutrone? Sarebbe sempre e comunque l’alternativa a Piatek, ipotesi che non solletica particolarmente i tifosi che invece vorrebbero vederlo sempre in campo. L’ultima idea di Gattuso allora potrebbe essere un semplice 4-4-2 con il polacco e l’ex Primavera in avanti e un centrocampo con Paquetà e Suso esterni e Kessié e Bakayoko al centro. Ne farebbe le spese in quel caso Calhanoglu e – probabilmente – ad oggi questa sarebbe l’unico sacrificio realmente accettabile in casa milanista.

moduli milan piatek gazzetta dello sport
La Gazzetta dello Sport