De Laurentiis pulp: «Incantato da Mertens. Scudetto? Ho casa piena di corni» - Calcio News 24
Connettiti con noi

2017

De Laurentiis pulp: «Incantato da Mertens. Scudetto? Ho casa piena di corni»

Pubblicato

su

de laurentiis

L’intervista radiofonica del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, che dice la sua in merito al campionato di Serie A a 20 squadra e al tema dei diritti tv: e su Tavecchio…

Il gol di Dries Mertens visto da Los Angeles ha procurato tante emozioni al presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, che dall’altra parte del mondo ha visto in diretta la vittoria dei Sarri-boys sulla Lazio. Il gol dell’1-3 resta però una clip da conservare negli annali statistici, raccontata in questo modo dal presidente azzurro ai microfoni di Radio24: «Non mi sarei mai aspettato quel tipo di giocata, ho seguito la traiettoria del tiro e quando ho visto la palla insaccarsi sono rimasto basito e incantato. E’ stato un ‘dolce’ che ho gustato per qualche minuto, ogni tanto mi portavano un caffè e mi sono venute quasi le palpitazioni! Napoli da Scudetto? A casa ho una parete piena di corni, mi piace farli vedere e caricarli dell’invidia altrui».

De Laurentiis ne ha per tutti: «Tavecchio pensa solo alla poltrona. Suning…»

Prosegue e conclude l’intervista il presidente De Laurentiis parlando di altri temi legati alla Serie A: «Competività del campionato? Nel 1986 c’erano 16 squadre in A, se fosse ancora così sarebbero tutti più felici e competitivi. Io ritoccherei il numero delle squadre con una sola retrocessione, ne ho parlato spesso con Tavecchio, ma lui mi risponde: ‘Siete voi della A che vi dovete imporre’, perché deve mantenere la sua poltrona e quindi ci sente e non ci sente. Infront dice bugie, il campionato a 20 squadre porta soldi? Va bene alle piccole società di calcio, non a quelle che vorrebbero un calcio competitivo. Adesso bisogna vendere bene il calcio italiano che è molto indietro. Se De Siervo non è capace di guidare una Ferrari dimostrando che ha una Fiat ha sbagliato casa e accontenta solo le piccole società. Bogarelli era un illuminato, perché ora devo avere un De Siervo che viene dalla Rai e non faceva delle grosse vendite? Suning? Non può intervenire in queste trattative: è il presidente dell’Inter, non va bene, che fa? Va al ribasso?».