Cagliari, esonero Rastelli: i nomi dei possibili sostituti

© foto www.imagephotoagency.it

La quarta sconfitta consecutiva potrebbe costare cara a Massimo Rastelli. É in corso un vertice in società per decidere il futuro dell’allenatore. Ecco i nomi dei possibili sostituti – 16 ottobre, ore 8.55

A Cagliari c’è Rastelli che rischia grosso nonostante il rinnovo di pochi mesi fa. La quarta sconfitta di fila – la terza in casa – potrebbe far saltare la sua panchina. Dopo i dubbi di ieri, oggi arrivano i nomi dei possibili sostituti. Si è parlato di Gianfranco Zola, ma l’ex Chelsea è un’ipotesi piuttosto difficile, la dirigenza sembra voler puntare su un tecnico con cui costruire il futuro. Massimo Oddo, Francesco Guidolin e Giuseppe Iachini sono tre nomi caldi, a cui va aggiunta pure la candidatura di Stefano Colantuono. Oddo e Guidolin paiono in pole, mentre Iachini e Colantuono solo leggermente staccati. La situazione però non è ancora definita e quindi tutto potrebbe cambiare da un momento all’altro.

Cagliari, esonero Rastelli: le dichiarazioni

La panchina di Massimo Rastelli scotta. Alla fine del match perso in casa con il Genoa sono piovuti pesanti fischi da tutta la Sardegna Arena per la squadra ma in particolare per l’allenatore, il cui posto ora è più in bilico che mai.
In tribuna a fianco al presidente Giulini c’era Gianfranco Zola, candidato numero uno per subentrare a Rastelli. Gli altri nomi che circolano sono Beppe Iachini, apprezzato dalla proprietà, Massimo Oddo, la mina vagante è Guidolin insieme a Mandorlini. 

L’allenatore, intervistato a fine match, si dice tranquillo: «Io confermato? La società ha facoltà di prendersi del tempo per fare le proprie valutazioni. Non ho parlato con nessuno della società. Sono qui da due anni e mezzo, ho ottimi rapporti con tutti, la società ha la facoltà di prendersi del tempo per fare le proprie valutazioni. Il presidente ha l’abitudine a fine gara, specie quando le cose non vanno bene, di non entrare negli spogliatoi. Ero nel mio ufficio con il mio staff. Solitamente ci sentiamo il giorno dopo, per evitare che si dicano a caldo cose che non si ripeterebbero a freddo. Siamo partiti con un obiettivo, che è la salvezza. Ad oggi siamo salvi nonostante le quattro sconfitte consecutive»

Sicuramente nessuno si aspettava una partenza così negativa per la squadra sarda, reduce da quattro sconfitte consecutive e con un piazzamento in classifica che inizia a diventare pericoloso.