Fassone: «Pioli al Milan farà bene. Provai a prendere Ibrahimovic ma poi…»

fassone milan
© foto www.imagephotoagency.it

Fassone ha parlato della corsa scudetto, del Pallone d’Oro e della situazione del Milan: «Ibra? Noi optammo per il no, serve stabilità»

Marco Fassone, ex ad del Milan, è stato intervistato da TMW Radio.

PALLONE D’ORO – «Se bisogna premiare chi si è distinto nel corso dell’anno, si doveva pescare all’interno del Liverpool. Ha fatto discutere la decisione di Messi. Io personalmente sono un “ronaldiano”, è l’icona del calciatore da pallone d’oro costante. Ma io avrei puntato sui giocatori del Liverpool»

PRIMO POSTO – «Sono convinto che più equilibrio c’è in testa, ma di qualità, più può far bene al campionato. Questo duello però ci può far dimenticare i problemi più grandi del sistema calcio Italia, che vanno risolti e si fa fatica ad affrontare. Ci sarebbe tantissimo da fare per riportare la Serie A per competere con le altre leghe»

MILAN – «Pioli qualche anno fa si ritrovò sulla sponda Inter e subentrò in una situazione complessa così come a Milano e fece molto bene. Lui sa tirare fuori il meglio in situazioni del genere, per me farà bene e farà tornare il Milan in una classifica più logica per un club come quello rossonero. Vedere un Milan solo 4 punti sopra la retrocessione… Lo rivedremo presto nella parte sinistra della classifica e con un posizionamento con le attuali possibilità della squadra»

IBRAHIMOVIC – «Ibra fu una suggestione che avemmo anche noi, ma poi optammo per il no. Ne parlammo anche con Raiola al tempo. Servirebbe stabilità, perché troppi cambiamenti di calciatori e dirigenti danno instabilità. Se credono in questi giocatori, vadano avanti perché poi il tempo premia».