Connettiti con noi

Hanno Detto

Inter Campione d’Italia, gli eroi del Triplete celebrano lo Scudetto

Pubblicato

su

eroi triplete

Gli ex giocatori dell’Inter ed eroi del Triplete nella notte di Madrid hanno rilasciato varie dichiarazioni sullo Scudetto nerazzurro

Dopo la vittoria del 19° Scudetto dell’Inter gli eroi del Triplete 2010 hanno rilasciato le loro dichiarazioni sulle pagine della Gazzetta dello Sport.

JULIO CESAR – «Dopo 11 anni, di nuovo al posto giusto: il primo. Il posto dell’Inter, quello che ha meritato per tutta la stagione: dal primo giorno all’ultimo»

SAMUEL – «Uno scudetto vinto più che mai da squadra: chiunque sia stato chiamato in causa ha dato il suo contributo. E ora i tifosi meritano di festeggiare!»

MAICON – «Volevo salutare alla Pinetina, ma non mi hanno fatto entrare: sarà per la prossima. È una storia nuova, ma l’emozione è sempre forte! Bravi tutti»

LUCIO – « Vi ho seguito da lontano, ma è come se fossi lì. Un titolo meritato, costruito con una grande difesa. Che gioia vedere l’Inter nel posto in cui merita di stare!»

MATERAZZI – «Me lo godo perché ho detto dal primo giorno che era un ”obbligo” vincerlo. E perché ogni scudetto dell’Inter ne vale 4 o 5 di quelli degli altri…»

CHIVU – «Era ora! Concretezza, solidità (non solo difensiva), capacità di cambiare per sfruttare le qualità: lo scudetto è stato tutto questo»

CAMBIASSO – «Grazie ragazzi per aver riportato questo importantissimo titolo a Milano! Complimenti, avete reso felici e orgogliosi tutti noi tifosi nerazzurri!»

THIAGO MOTTA – «Mi congratulo con tutto il mondo Inter, staff, giocatori e il club. Sono contentissimo per i tifosi che si meritano questa gioia»

STANKOVIC – «Io con la Stella Rossa e voi: vincere un titolo insieme è un segno del destino. Ognuno ha fatto la sua strada ma con lo stesso coraggio, da interisti»

SNEIJDER – «Un saluto a tutta la famiglia nerazzurra e complimenti di cuore per questa grande vittoria. Un abbraccio forte e… sempre forza Inter!»

PANDEV – «Brava Inter, era ora. Una vittoria meritata, che dà gioia ai tifosi. Mi spiace che il mio Genoa non li abbia fermati, ma con i campioni d’Italia è dura…»

MILITO – «Sono felice, titolo importante e meritato. Contentissimo per il mio Capitano Zanetti. E ai tifosi dico: spero di abbracciare presto tutti a Milano»