Inter, conferenza Stramaccioni: “Terzo posto, non molliamo”

© foto www.imagephotoagency.it

INTER BOLOGNA CONFERENZA STRAMACCIONI – Intervenuto in conferenza stampa al termine di Inter – Bologna, Andrea Stramaccioni commenta così la seconda sconfitta in 4 giorni: “Secondo me il cambiamento deve essere visto collettivo, non pensando ad un solo reparto. Purtroppo a noi è cambiata la composizione dell’attacco, che è il problema principale. In Europa League ho solamente Cassano e Palacio disponibili in attacco, in campionato recuperiamo Rocchi, ma l’assenza di Milito ha un pochino influenzato tutto l’assetto. Dopo la conferenza ho perso anche Ricky Álvarez che, assieme a Nagatomo ed Obi, potevano ricoprire la corsia sinistra. A parte Álvarez, al cui posto c’era Benassi, erano gli stessi giocatori di Catania. Speravamo di poter dare continuità. Abbiamo pagato ancora la partita del giovedì notte. I ragazzi sentono molto questi impegni. Quando abbiamo iniziato a fare meglio nella ripresa, abbiamo preso gol. Alla fine conta il risultato”.

Il tecnico continua: “C‘è grande amarezza e grande rabbia, ma non ci sfiora l’idea di mollare niente con trenta punti a disposizione in un campionato dove chiunque può perdere con chiunque. Il terzo posto pare a distanza siderale, invece è a quattro punti. Dobbiamo ritrovare continuità, come la avevamo prima che si infittissero gli impegni con l’Europa League”

Stramaccioni prosegue, parlando degli errori odierni: “Oggi abbiamo sbagliato cose facilissime. Alcuni giocatori non hanno mai avuto un ricambio e si pagano tanto le tre partite settimanali, soprattutto in una situazione di emergenza”.

Infine, la conclusione: “Abbiamo pagato questo impatto di brillantezza contro una squadra che ha aggredito, spendendo anche tanto. Nelle ultime partite stiamo lavorando su certi approcci, ma ho visto errori nel primo tempo che non sono soliti dei miei calciatori, gli stessi che, a distanza di sei giorni, hanno segnato tre gol in rimonta a Catania”.