Inzaghi tiene alta la concentrazione: «Occhio alla difesa del Genoa»

inzaghi
© foto www.imagephotoagency.it

Il tecnico alla vigilia della sfida contro «Ballardini, suo ex allenatore: È uno preparatissimo: domani ci tiene particolarmente a fare bene»

Un solo obiettivo: vincere. Per allungare e migliorare la classifica. Questo il diktat della Lazio che, dopo il pareggio dell’Inter, conquistando i tre punti domani contro il Genoa potrebbe consolidare il proprio terzo posto allungando a +4 dai nerazzurri. Inzaghi lo sa e in conferenza stampa dice: «Dobbiamo vincere ma abbiamo una partita tosta. Il Genoa negli anni è sempre stato un avversario difficile, per questo dovremo fare una gara di livello per conquistare i tre punti. Quella rossoblù è squadra solida, che prende pochi gol». Lo intriga la sfida a Ballardini, che ha avuto come allenatore alla Lazio nella stagione 2009-10: «È un tecnico molto preparato, mi ha allenato quindi lo conosco approfonditamente, e qui all’Olimpico vorrà far bene. Con lui ho sempre avuto un ottimo rapporto. Alla Lazio partì bene vincendo la Supercoppa, anche se poi le cose non sono andate benissimo».

Poi sulla formazione: «Ho più di una soluzione ma le squalifiche ci creano imbarazzo. Nell’ultima di campionato con il Milan ho tolto Lucas Leiva proprio per non farlo ammonire perché anche lui è diffidato. Domani comunque posso arretrare Luis Alberto o puntare su Murgia che si allena sempre molto bene». La prossima sarà contro il Napoli al San Paolo, con Leiva a rischio squalifica: «Giocherà anche se diffidato. Per me la partita più importante ora è quella col Genoa, al Napoli penseremo da martedì». In attacco il favorito sembra essere Nani, ma le alternative sono molte e la decisione non è ancora presa: «Abbiamo 5 attaccanti e ho la fortuna di poter scegliere. Inoltre i nostri attaccanti possono giocare tutti in coppia fra loro. Domani sceglierò».