Juve, Allegri snobba la Champions: «Annata super! Vinto il 50% dei trofei disponibili»

Juve, Allegri snobba la Champions: «Annata super! Vinto il 50% dei trofei disponibili»
© foto www.imagephotoagency.it

L’allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri, ha parlato nella conferenza stampa della vigilia del match Scudetto contro la Fiorentina

Alla vigilia della partita contro la Fiorentina, che potrebbe regalare alla Juventus l’ottavo Scudetto di fila, ha parlato Massimiliano Allegri in conferenza stampa. Il tecnico dei bianconeri ha voluto sottolineare come la presenza di Ronaldo non vuol dire automaticamente l’arrivo della Champions. Ecco le sue parole: «Abbiamo la possibilità di chiudere lo Scudetto. Abbiamo smaltito la delusione della Champions. Dobbiamo andare avanti ed accettare il risultato. Non dobbiamo trovare alibi. È un modo che usano quelli che non vincono. È necessario analizzare quando avremmo vinto lo Scudetto, che deve ancor esser vinto. Da quando lo vinceremo programmeremo l’annata futura. Non dobbiamo farci prendere dall’entusiasmo e né dalla depressione». 

«Nuovo ciclo tra me e la Juventus? Non abbiamo parlato di nulla con Nedved e Agnelli. Dobbiamo prima festeggiare lo Scudetto e poi ne parleremo. Quest’annata è stata particolare, piena di infortuni. Abbiamo portato a casa il 50% dei trofei disponibili. Cosa faremo dopo lo Scudetto? Se dovesse esser domani, la Juventus cercherà di far belle prestazioni. In questo momento abbiamo degli infortunati. Perin fuori tre mesi; Khedira fuori tre mesi; Mandzukic fuori fino a fine stagione; Dybala fuori 20 giorni; Chiellini ritorna con l’Inter; Douglas Costa fuori 10 giorni». 

«Troppe aspettative con l’arrivo di Ronaldo? L’arrivo di Ronaldo non porta la Champions subito. Il calcio non è una scienza esatta. Ogni anno giochiamo sempre per vincere tutto. Ce la siamo giocata fino alla fine. Ronaldo titolare domani? Ronaldo ha fatto una stagione straordinaria. Domani giocherà. Cancelo? Sta a lui migliorarsi per diventare uno dei più forti. Champions? Non ha senso parlarne ancora. Siamo andati a casa giustamente. Barcellona in semifinale dopo 4 anni pur avendo Messi. Questo vuol dire che anche con Ronaldo la Champions non era matematica». 

«Il bel calcio paga? Dico che martedì abbiamo fatto una partita migliore di Amsterdam di mercoledì. L’Ajax ha fatto una partita migliore in casa che all’Allianz. Ronaldo? È il futuro della Juventus. Ha fatto benissimo quest’anno e farà bellissimo l’anno prossimo»