Juventus, Conte: “Non illudiamo nessuno, serve pazienza”

© foto www.imagephotoagency.it

Intervistato dai microfoni di Sky al termine dello 0-0 amichevole all’Arechi di Salerno contro il Betis Siviglia Antonio Conte, tecnico della Juventus, ha commentato la gara in chiaroscuro dei suoi, spesso in balia dei più pimpanti andalusi ma capace comunque di creare alcune interessanti situazioni da gol: “Sicuramente si vedeva che loro dal punto di vista fisico erano avanti rispetto a noi, ma in generale noi italiani ora soffriamo gli spagnoli che utilizzano un forte possesso palla. Noi non vogliamo illudere nessuno, c’è da lavorare e tanto ma solo così potremo raggiungere le vittorie e i traguardi prestigiosi. E’ vero che abbiamo sbagliato tanto ma va bene, sono io che chiedo che si giochi sempre la palla, a volte c’è riuscito a volte meno però quando ce l’abbiamo fatta li abbiamo messi in difficoltà “.

Sull’intesa Matri-Vucinic apparsa ancora poco fluida: “Era la prima volta per entrambi assieme, è normale che l’intesa sia quella che è ma non c’è da scoraggiarsi. Il nostro motto è lavoro, lavoro e ancora lavoro, solo così possiamo crescere. Non c’è assolutamente da scoraggiarsi, questa è una base da cui partire. Non sono affatto sorpreso dalle nostre condizioni, non sono spaventato anzi io sono uno paziente e che sa che solo lavorando si raggiungono alte vette. Tante squadre hanno già  l’amalgama e hanno un vantaggio notevole nei nostri confronti”. Considerazioni finali sul tantissimo pubblico bianconero accorso all’Arechi ma anche al realismo: “Ringrazio il pubblico per l’entusiasmo, sappiano però che ci vuole pazienza e lo dico perchè stando nel calcio da tanto tempo è difficile cambiare dall’oggi al domani una squadra reduce da due settimi posti”.

Fonte: TuttoJuve.com