Dybala verso Roma-Juventus: «Totti e Buffon due miti eterni»

juve
© foto www.imagephotoagency.it

Raggiunta la finale di Champions League del 3 giugno, la Juventus è pronta per chiudere il discorso scudetto già a partire da domenica: ecco le parole di Paulo Dybala in vista della sfida contro la Roma da Fiorello – 12 maggio

Nuova intervista questa mattina per l’attaccante della Juventus, Paulo Dybala. Il calciatore della Juventus è stato ospite su Sky da ‘Edicola Fiore’: «Sì, la mia prima partita è stata un Roma-Palermo 3 a 0 . Totti è un mito, è la verità: non conosco Francesco di persona, ma come Buffon sono leader e campioni assoluti ed eterni. Non so se mi vedrò in campo fino a 40 anni come loro. Passaporto italiano? L’ho fatto anche grazie ad una bisnonna di mia mamma che era di nazionalità italiana ed era piemontese. Zidane? E’ uno dei miei modelli a livello calcistico ma non posso dire se gli assomigli o meno, dovete dirmelo voi, così come mi piaceva tantissimo anche Ronaldinho».

Dybala carica la Juventus: «Vinciamo lo scudetto a Roma!»

Reduce dalla vittoria di martedì contro il Monaco, che le ha permesso di accedere alla finale di Champions League, la Juventus è pronta a chiudere domenica il discorso scudetto: basterà raccogliere un punto all’Olimpico contro la Roma. Intervistato da Sky Sport, Paulo Dybala ha parlato del confronto con i giallorossi ma non solo: «Dobbiamo essere concentrati sulla partita di domenica, vogliamo vincere lo scudetto contro la Roma. Francesco Totti? Sarà un piacere incontrarlo, il Gladiatore. Roma la adoro, all’Olimpico ho segnato il mio primo gol. La promessa con Marchisio? Era la prima volta che incontravo i miei compagni della Juventus e mi avevano invitato a vedere la finale di Berlino contro il Barcellona. Sono tornato in aereo con loro ed ho conosciuto la maggior parte dei miei compagni: mi hanno dato il benvenuto e Marchisio in particolare mi ha detto che avremmo dovuto ripartire, tornare a giocare quella partita. Crescita merito di Allegri? Molto nella mentalità della Juventus, quella di entrare in campo per vincere. Il mister è molto importante per noi, per me in particolare negli ultimi due anni. Sfida con Del Piero? Ci siamo parlati, per fortuna dovremo aspettare dopo il 3 giugno. In porta ci sarà Buffon, sicuramente sarà una cosa bella».