Liga BBVA, il punto sulla quarta giornata

© foto www.imagephotoagency.it

In vetta alla classifica spiccano Atletico Madrid e Barcellona, al loro inseguimento il Real Madrid

SPAGNA LIGA BBVA – Prosegue senza sosta la corsa dell’Atletico Madrid e del Barcellona, che hanno cominciato al meglio la nuova stagione, cioè in vetta alla classifica a bottino pieno: questo il verdetto della quarta giornata del campionato spagnolo.

Nessun problema per la squadra di Diego Simeone, che ha confermato il proprio primato in classifica. In rete il ritrovato David Villa, il quale al 15’ ha portato in vantaggio l’Atletico Madrid sull’Almeria con un sinistro “chirurgico”. Il raddoppio è arrivato al 36’ dal dischetto con Diego Costa, poi Rios al 40’ ha accorciato le distanze, riuscendo ad eludere in area di rigore ben quattro avversari, ma Tiago e Koke hanno poi chiuso in tre minuti, dal 63’ al 66’, la partita, sulla quale ha lasciato la sua firma anche Vidal all’89 per il gol della “bandiera”.

Meno facile la vittoria dei blaugrana di Tata Martino, che hanno avuto la meglio sul Siviglia nei minuti finali della partita: gli ospiti sono riusciti a rimontare i gol di Dani Alves e Messi, che sembravano aver messo in cassaforte i tre punti, con le reti di Rakitic e Coke, ma Alexis Sanchez al 94’ ha regalato i tre punti ai catalani dopo un’azione travolgente della “Pulce” argentina.

La Real Sociedad rinvia ancora l’appuntamento con la vittoria: pareggio a reti bianche per la squadra di Arrasate, che lancia segnali un po’ allarmanti in vista del debutto in Champions League: rammarico per il pareggio contro il Levante, ma in realtà il punto si rivela prezioso, perché senza le provvidenziali parate di Bravo ora si parlerebbe di una clamorosa sconfitta.

Altrettanto spettacolare il match del “Madrigal”, con un Villarreal arrembante ed un Real Madrid mai domo: al gol di Cani al 21’ risponde al 39’ mister 100 milioni di euro Bale, che in spaccata gira in rete il suggerimento di Carvajal; Cristiano Ronaldo prova poi a completare la rimonta, ma il suo gol, arrivato dopo una doppia conclusione al 63’, non basta, perché il “Sottomarino Giallo” si rivela una squadra difficile da battere ed, infatti, raggiunge il pareggio con Giovani Dos Santos, bravo a spingere in rete la palla dopo la respinta del portiere Diego Lopez sulla bordata di Cani. Si ferma, dunque, al secondo posto la squadra di Carlo Ancelotti, a pari punti proprio col Villarreal.

Riprende, invece, la vittoria e quindi la corsa l’Athletic Bilbao, che riesce a battere tra le mura amiche non senza apprensione il Celta Vigo. Non si era messo bene il match per i padroni di casa, andati in svantaggio grazie al gol al 14’ di Charles, ma la squadra basca reagisce subito e trova il pareggio dopo quattro minuti con San José; il Celta Vigo potrebbe tornare in vantaggio ancora con Charles, che però fallisce il tiro dal dischetto. I gol al 61’ di Iraola e al 68’ di Extebarria sono bastati a chiudere i giochi, ma la rete trovata da Mina al 72’ li aveva momentaneamente riaperti.

Prosegue il cammino verso l’Europa l’Espanyol, che ha espugnato il campo del Granada con la rete al 75’ di Lanzarote, posizionandosi così al sesto posto, a ridosso delle “grandi”. Sblocca la casella delle vittorie il Malaga, che conquista tre punti importanti contro il Rayo Vallecano, che diventa la peggior difesa del campionato con le 5 reti subite: a segno, infatti, l’ex Fiorentina El Hamdaoui con una tripletta (31’, 62’, 67’), Portillo al 40’ ed Eliseu al 48’.

Non se la passa bene il Valencia, sconfitto per la terza volta consecutiva: questa volta ad avere la meglio è il Betis, grazie alle reti di Molina al 9’ e alla doppietta di Sevilla (22’ e 35’); a timbrare il tabellino dei marcatori per gli ospiti è Costa al 66’, ma l’allarme per la squadra di Djukic suona ormai forte. Il Valladolid ha, invece, impattato contro l’Elche: la squadra nella quale figura il “nostro” Fausto Rossi non è, infatti, riuscita ad andare oltre il pareggio a reti bianche.

Chiude la rassegna della quarta giornata del campionato spagnolo l’Osasuna, ancora a secco di vittorie in questa stagione: Torres aveva fatto ben sperare all’11’ con il vantaggio sul Getafe, ma Miku al 35’ e al 52’ ha costretto all’ennesima sconfitta la squadra di Pamplona, che quindi e resta inabissata all’ultimo posto.