Lorenzo De Silvestri, il difensore intellettuale

© foto www.imagephotoagency.it

Caratteristiche tecniche, cartellino, clausole, contratto, stipendio, procuratore, social, vita sentimentale e tanto altro: ecco chi è Lorenzo De Silvestri

Come lui, effettivamente, forse ce ne sono pochi. E non ci stiamo riferendo tanto alle abilità e qualità espresse in campo – comunque, degne di nota -, quanto al fatto che alla sua carriera da calciatore, Lorenzo De Silvestri ha da sempre accompagnato quella di diligente studioso e appassionato. Un ragazzo d’altri tempi, insomma: amante della lettura, dell’arte – soprattutto, contemporanea -, del cinema, dei viaggi, delle lingue – delle quali parla fluentemente inglese e tedesco, e ha buone esperienza nel francese e nello spagnolo – dello sport, in generale, e naturalmente del calcio. Dopo essersi diplomato alla scuola tedesca di Roma, non contento di tutte queste passioni, De Silvestri ha scelto di iscriversi alla facoltà di Economia, con indirizzo in management dello sport, specializzazione che potrebbe rivelarsi utile al termine della carriera da calciatore.

Nato a Roma il 23 maggio 1988, Lorenzo De Silvestri, detto Lollo, dopo aver calcato i primi passi da calciatore tra le giovanili della Società Sportiva Romulea, una delle più antiche delle società romane, viene acquistato dalla Lazio, per la quale farà il suo esordio assoluto, in prima squadra, il 23 luglio 2005 in Intertoto, nella partita contro il Tampere United. Nell’agosto dell’anno successivo, De Silvestri segna il suo primo gol tra i professionisti, nel primo turno di Coppa Italia contro il Rende, conclusosi per 4-0. A partire dalla stagione 2007/2008 entra stabilmente nell’organico agli ordini di Delio Rossi, accumulando 34 presenze totali. Nell’agosto 2009, dopo essere stato inserito nella lista dei venti migliori calciatori under 20 del calcio mondiale redatta dal The Sun, De Silvestri passa alla Fiorentina per una cifra vicina ai 6 milioni di euro.

Dopo tre stagioni a medio/alto livello tra i viola – anche a causa di dissapori con Mihajlovic, che gli preferisce Comotto -, passa alla Sampdoria con la formula del prestito oneroso con diritto di riscatto a 4 milioni, per poi trasferirsi al Torino, nell’agosto 2016, per una cifra di poco superiori ai 3.5 milioni di €. In tutta questa carriera, De Silvestri è riuscito a farsi apprezzare anche in Nazionale: soprattutto nelle giovanili, dove ha anche vinto un bronzo agli Europei di calcio Under 17 nel 2005, ma anche in nazionale maggiore, sebbene qui sia riuscito a collezionare pochepresenze.

Caratteristiche tecniche e ruolo

Giocatore dal fisico possente – 186 cm per 84 Kg -, Lorenzo De Silvestri è il classico terzino, destro, di spinta e resistenza: un difensore arcigno, tenace, che fa della concentrazione e dell’agonismo due dei suoi principali punti di forza. Molto pericoloso nelle sue discese ed estremamente abile nei duelli aerei, De Silvestri è un giocatore dotato di grande duttilità tattica, dal momento che è in grado di giocare sia come ala, spostato dunque più in avanti, sia sulla corsia opposta. Se, infine, è capace di rendersi spesso pericoloso in area avversaria, così come sui calci di punizione, pecca leggermente nei contrasti. Autentico leader, con qualsiasi maglia da lui indossata, ha sempre dimostrato forte attaccamento ai colori per i quali “combatteva”, facendosi ovunque apprezzare e guadagnandosi la stima di tutti i suoi sostenitori.

Cartellino e clausole

Acquistato a titolo definitivo dalla società granata per 3.6 milioni di €, De Silvestri ha un valore attuale di mercato non molto distante da quella cifra che si aggira tra i 3.5 ed i 4 milioni di euro. Non sono attualmente presenti clausole che lo legano alla società di Cairo.

Contratto e stipendio

Arrivato dalla Sampdoria nell’agosto 2016, per ripianare la partenza di Bruno Peres, De Silvestri e il Torino hanno trovato l’accordo per un contratto quadriennale, in scadenza il 30 giugno 2020. Inoltre, il terzino destro percepisce uno stipendio di 700.000 € a stagione.

Il procuratore: Sergio Berti

Considerato uno dei procuratori più influenti del mondo calcistico, Sergio Berti cura già da diverso tempo la procura di De Silvestri. Schivo e piuttosto reticente a rilasciare interviste, Berti ha sempre accolto sotto la sua ala protettrice giocatori di elevatissimo calibro, fin dagli anni ’90, quando si occupava della tutela di Vieri, Pessotto, Mihajlovic, Morfeo e Montella. Oggi, oltre al terzino del Torino, assiste giocatori altrettanto importanti come Kolarov, Romagnoli, Cerci, Dainelli ma soprattutto, il vero top player della sua scuderia, Daniele De Rossi.

De Silvestri al Fantacalcio

Chi ha scelto Lorenzo De Silvestri nella propria squadra al fantacalcio non si può dire abbia fatto un errore. Con voti spesso sopra la sufficienza, il giocatore garantisce una fantamedia discreta ai fantallenatori.

I numeri di maglia

Il 29 è stato il numero che si è mantenuto sempre con una certa costanza nella carriera di De Silvestri, sebbene questo non sia stato l’unico.

  • Stagione 2005/2006 – Lazio – 14
  • Dalla stagione 2006/2007 alla stagione 2008/2009 – Lazio – 29
  • Dalla stagione 2009/2010 alla stagione 2011/2012 – Fiorentina – 29
  • Stagione 2012/2013 – Sampdoria – 19
  • Dalla stagione 2013/2014 alla stagione 2016/2017 – Sampdoria – 29
  • Dalla stagione 2016/2017 – Torino – 29

Vita sentimentale

Fidanzato per quasi tre anni con l’attrice di Suburra Giulia Elettra Gorietti, Lorenzo De Silvestri è ora fidanzato con Carlotta, giovane ragazza genovese, conosciuta ai tempi in cui militava ancora nella Sampdoria.

De Silvestri su Facebook, Instagram, Twitter

Dai profili social di De Silvestri è possibile provare a tracciare un quadro complessivo dei suoi principali interessi e delle sue abitudini: prima di tutto il calcio, ovviamente, ma dai suoi post non mancano le serate e le vacanze con gli amici, il forte attaccamento alla famiglia e lo spazio dedicato agli hobby. Ecco, dunque, tutti i suoi profili: @lollodesi su Instagram, @lorenzodesilvestri29 su Facebook e @l_desilvestri su Twitter.