Mancini-Italia, è fatta: accordo per la risoluzione contrattuale con lo Zenit

Iscriviti
mancini
© foto www.imagephotoagency.it

Roberto Mancini si avvicina a grandi passi verso la panchina azzurra: trovato l’accordo per rescindere il contratto con lo Zenit

Roberto Mancini si avvicina alla panchina azzurra. Trovata l’intesa con la FIGC sulla base di un contratto biennale a 2 milioni di euro (più bonus in caso di qualificazione ad Euro 2020 a stagione, c’è da rescindere l’attuale accordo in essere con lo Zenit San Pietroburgo (6 milioni netti a stagione fino al giugno del 2020). Secondo quanto riporta il quotidiano Correre della Sera, la dirigenza si è con il tempo ammorbidita e se minacciava di rivolgersi alla FIFA denunciando la FIGC, ora, grazie alla mediazione dell’avvocato del tecnico jesino, ha abbassato il tiro e si è arrivati ad un punto d’incontro per liberarlo.

Mancini dirà addio a due anni di contratto ed oltre 24 milioni lordi, più a 500.000 euro della stagione 2017-2018. Il via libera dovrebbe arrivare nella giornata di lunedì 14 maggio, in maniera tale che possa presentarsi all’incontro decisivo con la federazione azzurra libero di sottoscrivere un nuovo contratto. Da lì in poi sarà un susseguirsi di eventi fino alla presentazione ufficiale e alla prima partita da ct della Nazionale, il 28 maggio contro l’Arabia Saudita.