Italia, quasi ufficiale: Mancini risolve con lo Zenit (e rinuncia a tanti soldi)

Iscriviti
mancini
© foto www.imagephotoagency.it

Ufficiale l’addio di Roberto Mancini allo Zenit San Pietroburgo: l’ex allenatore dell’Inter, che rinuncia a una ricca buonuscita, è a un passo dall’accordo per diventare il nuovo c. t. dell’Italia

Dopo nemmeno e un anno e un stagione, è ufficialmente terminata l’avventura di Roberto Mancini con lo Zenit San Pietroburgo. Mancava solo l’ufficialità, che è arrivata adesso: l’ex Inter è libero di accordarsi con la Federazione (probabilmente già settimana prossima) per diventare il nuovo commissario tecnico dell’Italia e prendere le redini della squadra in tempo per il 28 maggio, quando ci sarà la prima uscita amichevole del nuovo corso contro l’Arabia Saudita. Da settimane ormai Mancini, che dopo nemmeno trenta giornate aveva traghettato lo Zenit al quinto posto al campionato – tra la delusione generale – a dieci punti di distanza dal Lokomotiv Mosca primo, era in discussione con lo Zenit per terminare il proprio contratto: la società russa inizialmente chiedeva un indennizzo e si sarebbe impuntata a fari rispettare l’accordo triennale (con opzioni di altre due stagioni) al tecnico italiano (leggi anche: MANCINI-ITALIA: LO ZENIT SI IMPUNTA), che però era del tutto focalizzato ormai sull’opportunità azzurra dopo la proposta federale.

Poco fa invece ecco la svolta con un comunicato ufficiale apparso sul sito dello Zenit: «La società e Mancini si sono accordati per la fine anticipata dell’accordo che li legava: il contratto sarà risolto di comune accordo senza il pagamento di indennizzo alcuno. Il contratto di Mancini con lo Zenit si concluderà il 14 maggio 2018. Mancini è arrivato il primo giugno 2017 e ha diretto 44 partite ufficiali, tra cui 21 vinte, 13 pareggiate e 10 perse. Il club augura il meglio a Mancini per i suoi impegni futuri e lo ringrazia per il tempo trascorso qui». Per favorire l’accordo l’ex interista avrebbe rinunciato ad una super-buonuscita da circa 13 milioni di euro, come da accordi. Entro mercoledì Mancini dovrebbe firmare il suo nuovo contratto con la Federazione per le prossime due stagioni (con opzione per altre due) arrivando a guadagnare circa 2 milioni di euro l’anno. Ora manca la fumata bianca.


Leggi anche: NAZIONALE: TUTTE LE ULTIME NOTIZIE