Le pagelle: Napoli – Sassuolo

© foto www.imagephotoagency.it

E’ Josè Maria Callejon il migliore in campo al San Paolo tra Napoli e Sassuolo

Il Napoli capolista – era già accaduto a Bologna – manca l’approccio alla gara e concede immediato penalty al Sassuolo: sbaglia Hysaj, trasforma Falcinelli. Aspetto sul quale dovrà approfondire Sarri se l’obiettivo è quello di restare in altissima classifica. La reazione è di alto livello: Insigne ed Hamsik servono rispettivamente per Callejon (prima firma dello spagnolo in campionato) ed Higuain che ribaltano il risultato, poi la doppietta del Pipita (già 20 gol in campionato!) per il definitivo 3-1 che conferma il Napoli in testa alla classifica.

Napoli (4-3-3): Reina 6.5; Hysaj 5, Albiol 5.5, Chiriches 6.5 (al 68’ Koulibaly 6), Ghoulam 6; Allan 6.5, Jorginho 6.5, Hamsik 7 (all’87’ Lopez s.v.); Callejon 7.5, Higuain 7.5, Insigne 7 (al 77’ Mertens 6)

Sassuolo (4-3-3): Consigli 5.5; Vrsaljko 5, Ariaudo 5, Acerbi 6, Peluso 5; Missiroli s.v. (al 15’ Pellegrini 6.5), Magnanelli 6, Duncan 6.5; Politano 6 (al 68’ Floro Flores s.v, all’84’ Defrel s.v.), Falcinelli 6.5, Sansone 7

NAPOLI – IL MIGLIORE

Callejon 7.5: Non prima di aver segnalato l’ispirazione della notte di Insigne e la pulizia delle giocate di Hamsik (ancora un assist mancino per il capitano partenopeo), ma che prestazione Callejon! E’ il suo moto continuo a permettere proprio allo slovacco di trovare sempre lo sfogo per il passaggio, è quello che più di ogni compagno non sembra conoscere la parola stanchezza. Si sblocca dopo un girone d’andata all’asciutto: perfetto nella scelta del tempo con cui sigla la rete del pareggio, serve almeno due buoni assist ad Higuain che spreca nella ripresa prima di trovare il ventesimo gol del suo folle campionato. Guarda caso su assist di Callejon che firma una prova totale e da migliore in campo.

NAPOLI – IL PEGGIORE

Hysaj 5: La superficialità con cui gioca quel pallone al 3’ minuto non è tollerabile se l’obiettivo è quello di restare in altissima classifica: propizia il calcio di rigore poi trasformato da Falcinelli con uno strafalcione che può essere esclusivamente figlio di un’immotivata disattenzione. L’approccio del Napoli capolista fu errato anche a Bologna ed è un fattore che inizia a diventare qualcosa di diverso da una mera casualità. Peraltro soffre il moto di Sansone come raramente era accaduto finora con gli esterni offensivi con cui si era confrontato.

SASSUOLO – IL MIGLIORE

Sansone 7: Nel primo tempo è un’iradiddio, accende il motorino e risulta imprendibile per l’opposto Hysaj: si procura il calcio di rigore per il seguente fallo di Albiol, manda in apprensione la retroguardia partenopea sia palla al piede che con i suoi tagli continui. Importante nel non concedere punti di riferimento, elemento essenziale per la filosofia calcistica di Di Francesco: cala alla lunga ma era pressoché inevitabile.

SASSUOLO – IL PEGGIORE

Vrsaljko 5: I due gol che il Napoli sigla nella prima frazione di gara giungono entrambi dal suo lato: concede troppo spazio ad Insigne in occasione del primo assist dopo una marcatura tutt’altro che impeccabile, manca in termini di posizione e raddoppio sul servizio mancino di Hamsik. Nel complesso soffre oltremodo la verve di Insigne e finisce con il non prenderlo mai.

TABELLINO – NAPOLI – SASSUOLO 3-1

Marcatori: Falcinelli (S) rig. 3’, Callejon (N) 19’, Higuain (N) 42’, Higuain (N) 93’

Ammoniti: Sassuolo – Acerbi

Espulsi:

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Chiriches (al 68’ Koulibaly), Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik (all’87’ Lopez); Callejon, Higuain, Insigne (al 77’ Mertens). In panchina: Gabriel, Rafael, Luperto, Maggio, Strinic, Valdifiori, Dezi, El Kaddouri, Gabbiadini. Allenatore: Maurizio Sarri

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Vrsaljko, Ariaudo, Acerbi, Peluso; Missiroli (al 15’ Pellegrini), Magnanelli, Duncan; Politano (al 68’ Floro Flores, all’84’ Defrel), Falcinelli, Sansone. In panchina: Pomini, Pegolo, Antei, Fontanesi, Longhi, Biondini, Laribi. Allenatore: Eusebio Di Francesco