Pirlo sentenzia: «Il Milan non è da Scudetto. Allegri? No, ecco perché andai alla Juve»

pirlo
© foto www.imagephotoagency.it

Il centrocampista, ex Milan e Juventus, ha parlato della nuova Serie A e non solo. Ecco le dichiarazioni di Andrea Pirlo

E’ la Juventus la squadra da battere secondo Andrea Pirlo. Il centrocampista dei New York FC ha ancora pochi mesi di contratto con i club americano e sta già iniziando a pensare al futuro («dirigente o allenatore, resterò sicuramente nel mondo del calcio») ma nel frattempo si diletta a dare il suo giudizio sui temi caldi del nostro calcio. Pirlo ha parlato a La Repubblica del passaggio di Bonucci dalla Juve al Milan: «Il Milan non è da Scudetto, anche con Bonucci. La Juventus rimane la squadra da battere. Ha acquistato gente come Douglas Costa, Szczesny e Bernardeschi». Andrea da Brescia è tornato poi sui motivi che lo hanno spinto a lasciare il Milan, dopo quasi 10 anni, per la Juventus: «Se anch’io come Bonucci ho lasciato la squadra per colpa di Allegri? Non so cosa sia successo con Bonucci. Io non andai via dal Milan per Allegri. Sono andato via dal Milan perché ero a fine contratto e volevo una nuova avventura. Non ho cambiato per colpa di Allegri, lui non c’entrava niente. Sentivo di aver bisogno di nuovi stimoli».