Roma, ag. Viviani: “Felice per lui, grazie a Luis Enrique”

© foto www.imagephotoagency.it

La Roma ha scoperto in questi giorni di amichevoli un nuovo giovane talento del vivaio, Federico Viviani, di cui oggi ha parlato il suo agente, Domenico Scopelliti.

“Dire che sono felice, sarebbe un puro esercizio eufemistico. Sono strafelice per Federico, non solo per la partita di ieri ma anche, e forse soprattutto per il periodo che sta vivendo. Sta iniziando a raccogliere ciò che ha seminato. Viviani è un ragazzo molto responsabile e saprà  far buon uso delle parole di elogio che il mister gli ha rivolto – le parole del procuratore per forzaroma.info – . Ha un carattere d’acciaio, cosa che l’ha sempre contraddistinto fin da bambino. Lo tira fuori soprattutto nei momenti di difficoltà , nei quali non s’abbatte ma reagisce con forza. Ricordo che quando era con gli allievi, all’epoca allenati da Stramaccioni, all’inizio l’allenatore sembrava preferirgli altri giocatori. Federico non fece una piega; si rimboccò le maniche e, grazie al suo lavoro, divenne titolare inamovibile”

“Luis Enrique? Non posso che complimentarmi con il tecnico spagnolo, soprattutto per il lavoro che sta facendo sui giovani. Si vede che è uno che vuole coinvolgere nel progetto i ragazzi della Primavera e che non ha paura di gettarli nella mischia. A parte le belle parole su Federico, per le quali non posso che essere felice, sta cercando di responsabilizzarli e di farli maturare come calciatori. Quella che sta portando avanti, almeno alle nostre latitudini, è una e propria rivoluzione culturale: puntare sui giovani. Per quel poco che conta sono con lui”.

“Bruno Conti è stato, calcisticamente parlando, un padre per Federico – ha quindi concluso Scopelliti- . L’ha seguito pedissequamente fin dal primo momento in cui ha messo piede a Trigoria e nei momenti di difficoltà , che non sono mancati, gli è stato sempre molto vicino. Detto ciò, c’è una sola persona che Federico deve ringraziare per i suoi successi: se stesso. Perchè è tutto frutto della sua abnegazione e sacrificio. Dell’avvenire di Federico ne parleremo, con tutta tranquillità , dopo ferragosto con Sabatini. Tra noi e la Roma c’è perfetta sintonia di vedute”.