Dallo sport alla violenza: il mondo dei gemellaggi ultras italiani

Dallo sport alla violenza: il mondo dei gemellaggi ultras italiani
© foto www.imagephotoagency.it

Durante gli scontri di ieri erano presenti ultras varesini e del Nizza, insieme ai nerazzurri. Una panoramica sui gemellaggi delle italiane.

Da occasione di scambio e condivisione ad alleanza strategica. I gemellaggi tra tifoserie sono cosa comune nel calcio, con molti episodi di sana fratellanza tra tifosi di tutto il mondo. Ma spesso, possono tramutarsi in qualcosa di malvagio, in un’alleanza creata per danneggiare, offendere e scontrarsi con l’avversario di turno. Questo è ciò che è successo ieri prima di Inter-Napoli, quando centinaia di ultras interisti, varesini e del Nizza hanno assalito i bus dei tifosi azzurri. Una vera e propria gemellanza con l’intento di danneggiare i “nemici” partenopei, ma che hanno avuto la conseguenza peggiore, con il tifoso del Varese Belardinelli travolto da un’auto e deceduto in serata.

Ma con quali squadre europee sono gemellati i club di Serie A? I nerazzurri sono sicuramente tra i club più prolifici, senza contare il Varese e la Lazio nel nostro territorio: Nizza (di cui ieri erano presenti circa 12 tifosi) e Valencia. Proprio la Lazio è un’altra squadra con due gemellaggi, entrambi grazie all’interesse politico di estrema destra, con le tifoserie del Real Madrid e del West Ham. La Juventus invece è stata sempre legata al Den Haag, squadra de L’Aia, mentre il Milan al Partizan Belgrado e la Roma al Panathinaikos. Il Napoli è invece stretto con i muro giallo del Borussia Dortmund, mentre l’Atalanta, acerrima nemica di Inter e Varese, con il Tirol Innsbruck e l’Eintracht Francoforte. Ma c’è anche spazio per Fiorentina e Sporting Lisbona, Sampdoria e Olympique Marsiglia e Udinese e Austria Salzburg. A chiudere i crociati del Parma con i girondini del Bordeaux, gli ultras del Verona con quelli del Chelsea.