Telefono bollente e strigliate, così Sarri ha “esordito” sulla panchina della Juve

© foto www.imagephotoagency.it

A causa di una polmonite che l’ha messo ko per un paio di settimane, Maurizio Sarri ha vissuto il suo esordio alla Juve dal telefono

Ieri la Juve ha esordito in campionato senza il suo allenatore in panchina. Come è noto Maurizio Sarri ha contratto una polmonite che lo costringerà a tornare a sedersi sulla panchina bianconera dopo la sosta.

La Gazzetta dello Sport racconta quindi come il tecnico campano ha vissuto Parma-Juve al telefono. Novanta minuti trascorsi quasi in trance, inframezzati da telefonate lampo per trasmettere le indicazioni da passare alla squadra. Sarri ha passato quasi tutto il tempo in piedi, seguendo i movimenti dei suoi giocatori. Ha scarabocchiato mille foglietti con altrettante diverse indicazioni, ha urlato e si è agitato parecchio.

Il tecnico ha tenuto i contatti con Parma attraverso Marco Ianni, uno dei suoi fedelissimi, che aveva gli auricolari sempre attaccati all’orecchio. Ianni riceveva le indicazioni e poi le trasmetteva immediatamente a Martusciello.