Connettiti con noi

Hanno Detto

Verona, Tudor: «Punto meritato col Napoli. C’è fiducia»

Pubblicato

su

Tudor

Igor Tudor, allenatore del Verona, ha parlato al termine del match pareggiato contro il Napoli: le sue dichiarazioni

Igor Tudor, allenatore del Verona, ha parlato al termine del match pareggiato contro il Napoli. Le sue dichiarazioni ai microfoni di DAZN.

CRESCITA – «È vero che siamo cresciuti dal punto di vista difensivo: all’inizio facevamo fatica ad essere compatti, c’era molti meno raddoppi. Davanti, con la qualità che abbiamo, creiamo sempre qualcosa. Difensivamente c’è stato un passo avanti con la Juve, oggi abbiamo fatto un’altra bella gara: è un punto meritato, che ci dà fiducia e orgoglio».

FILOSOFIA – «Penso che un allenatore debba sempre evolversi. Ogni anno. Il calcio cambia, va in una direzione, la gente che viene allo stadio è sempre più esigente. Non vuole vedere un calcio attendista. A me piaceva fare pressione a zona, oggi è diverso, è una pressione a uomo. In fase difensiva mi sono appoggiato tanto al lavoro che è stato fatto nei due anni scorsi. Bisogna lavorare molto in settimana per farlo: io ho bravi ragazzi, umili, pronti al sacrificio. Oggi era una partita interessante dal punto di vista mentale volevo vedere come avremmo sfruttato questa onda emotiva. Ora recuperiamo, a Empoli abbiamo una partita fondamentale: sarà la partita dell’anno, speriamo che chi rientrerà dalla nazionale stia bene».

IDEE DIFENSIVE – «Dipende dal modulo dell’altra squadra per quanto riguarda le scalate. Il modo di allenare in questo calcio comporta dettagli molto importanti. C’è anche il pressing al contrario, che è ancora più importante del pressing alto. Se vai sempre verso la porta avversaria il giocatore ha una sensazione diversa, però per chi è dietro non è semplice giocare uno contro uno. Questi raddoppi, questa voglia di andare indietro, sono fondamentali».