Chiellini prima di Juventus-Lazio: «Non pensiamo al Triplete, concentrati sulla Coppa Italia»

Chiellini
© foto MP

Il difensore della Juventus è intervenuto in conferenza stampa per presentare la finale di Coppa Italia contro la Lazio. Ecco le parole di Chiellini

Juventus e Lazio scenderanno in campo domani per la finale di Coppa Italia. Giorgio Chiellini, difensore bianconero, ha parlato così in conferenza stampa: «Non è semplice raggiungere questo traguardo. Siamo stati bravi e fortunati e la nostra speranza è quella di conquistare domani il primo trofeo della stagione, il nostro ultimo pensiero ora è quello del Triplete, noi abbiamo in testa solo la partita di domani. Saremmo folli a pensare a lungo termine, se ce ne fosse bisogno abbiamo dimostrato di recente che bisogna pensare di partita in partita. Polemiche dopo Roma? Siamo stati tranquilli e isolati, mi hanno detto giusto due minuti fa del discorso del biscotto. Noi siamo concentrati sui nostri obiettivi e siamo dispiaciuti per non aver vinto il campionato a Roma. Con grande serenità e convinzione ci apprestiamo a preparare la sfida con la Lazio perché ci apprestiamo a raccogliere quanto seminato durante l’anno. Dopo la Roma abbiamo analizzato le partite come facciamo sempre, consapevoli che dobbiamo fare qualcosa di diverso. Quest’anno abbiamo sfruttato ogni sconfitta come ricarica per un periodo molto positivo, ci è servito sempre come slancio e non è facile trasformare un episodio negativo in positività e dovremo essere bravi a farlo anche stavolta».

LE PAROLE DI CHIELLINI IN CONFERENZA STAMPA PRIMA DI JUVENTUS vs LAZIO – «Due punti in tre partite? Nel mezzo ci son state 4 partite con 7 gol fatti e uno subito e volente o nolente ci ha tolto qualcosa a livello mentale. La storia di quest’anno racconta che abbiamo sempre gestito il vantaggio, accelerando quando li vedevamo negli specchietti e rallentando appena vedevamo un po’ di margine. Sapevamo che avremo affrontato 2-3 settimane impegnative in questo periodo e siamo stati bravi nei mesi scorsi per gestire con grande tranquillità e fermezza questo finale di stagione ma ora è il momento di raccogliere. Vogliamo vincere e vogliamo iniziare a vincere da domani sera. L’attacco della Lazio? Nelle ultime settimane abbiamo affrontato tante squadre con attaccanti veloci e che si esaltano negli spazi. Immobile è un giocatore impegnativo, è un attaccante importante, hanno Keita e Felipe Anderson, e non dovremo concedergli spazio. Giocano in verticale, hanno trovato compattezza e bisogna fare i complimenti all’allenatore e anche al gruppo storico che ha trainato la squadra. Prepareremo al meglio la sfida, una sfida che si giocherà sugli episodi e dovremo dimostrare di volerlo più di loro, non a parole ma con i fatti. L’incontro con il Papa? L’ho visto per la terza volta ed è molto strano. Sono onorato di questo, è una persona di livello altissimo e mi dispiaceva togliergli del tempo che poteva spendere meglio (sorride, ndr). Non capita tutti i giorni, speriamo capiti ancora perché è sempre emozionante vedere un Papa che rimarrà nella storia per aver avvicinato tanti giovani alla Chiesa».

Condividi