J-Village alla Continassa: Juventus al lavoro

529
chiellini
© foto www.imagephotoagency.it

La Juventus ha in mente un progetto avveniristico e clamoroso: i bianconeri sono al lavoro per il J-Village nella zona Continassa di Torino, vicinissima allo Stadium

Il nome J-Village al momento dirà poco o nulla ma la Juventus ha in mente di costruire un’area che in Italia non ha nessun altro e che, forse, nessun altro avrà per moltissimo tempo. Nella zona della Continassa adiacente allo Juventus Stadium la nuova dirigenza vuole costruire un villaggio bianconero: una nuova sede, una serie di campi di allenamento, un albergo sia per i tifosi che per i ritiri della squadra, una gran varietà di store e anche una scuola.

I CAMPI DEL J-VILLAGE – Tra meno di un anno ci sarà la consegna dei lotti per i campi di allenamento e quindi il prossimo ritiro non sarà a Vinovo ma a due passi dallo Juventus Stadium: quattro campi, palestra all’avanguardia e piscina, tutto al top come riporta il reportage di Tuttosport. Ci sarà anche un passaggio segreto che collega all’albergo, altra struttura avveniristica che verrà suddivisa in un’ala per la Juventus e un’altra (circa cento camere) per i tifosi, i quali potranno ammirare alcune coppe e trofei nell’hotel.

I TEMPI DEL J-VILLAGE – La zona sarà ricca di store tra cui il nuovo negozio ufficiale della Juventus completamente ricostruito in un Concept Store, una sorta di area relax per grandi e piccini. A questo si aggiunge una centrale tecnologica e soprattutto la nuova sede. Al J-Village la Juventus avrà tutto raccolto a pochi metri dallo stadio di casa e sarà un vero e proprio quartiere bianconero. Ci sarà da aspettare quasi tutto il 2017 per avere la struttura al completo ma il progetto sta lasciando un po’ tutti a bocca aperta.

Gianmarco Lotti
Giornalista sportivo toscano vivente, amante del calcio come cultura. Nel 2010 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1989 stilata da Don Balón.
Condividi
Articolo precedente
sergio rico vitoloVazquez: «Juventus – Siviglia ci dirà chi siamo»
Prossimo articolo
bellusci martuscielloSkorupski: «Empoli grintoso grazie a Martusciello»