Antonio Santurro, ecco chi è il portiere rossoblù titolare in Bologna-Roma

© foto www.imagephotoagency.it

Bologna-Roma: Donadoni schiera dal 1′ minuto il portiere Antonio Santurro. Ecco chi è l’estremo difensore dei rossoblù

BolognaRoma sarà una sfida speciale per Torosidis e Destro, due ex della sfida, per Federico ed Eusebio Di Francesco, rispettivamente figlio e papà, ma sarà anche una gara speciale per Antonio Santurro. Il portiere 26enne di proprietà del Bologna è stato acquistato dal Bologna lo scorso luglio e il club rossoblù annunciava così il suo arrivo: ««Il Bologna Fc 1909 comunica di avere ingaggiato il portiere Antonio Santurro. Nato a Parma il 29 febbraio 1992, cresciuto nel settore giovanile gialloblù, è un estremo difensore di grande prestanza fisica e buona tecnica, reduce da tre stagioni da professionista in Lega Pro: in particolare è stato protagonista dell’ultimo campionato del Siracusa nel girone C, che ha ottenuto sotto la guida di Sottil il 6° posto qualificandosi ai playoff, poi eliminato dalla Casertana».

L’estremo difensore classe 1992 quest’oggi sarà in porta, da titolare, nel lunch match tra Bologna e Roma. Un’occasione incredibile e speciale per il portiere che non ha mai giocato in Serie B e che non ha mai giocato, prima di oggi, in Serie A. Ci vuole anche un pizzico di fortuna per esordire in A: Mirante è squalificato, il secondo portiere Da Costa è infortunato e non è stato convocato da Roberto Donadoni che lancerà nella mischia, lo ha annunciato in conferenza stampa, Santurro. Una lunga militanza nelle serie minori, ma chi lo conosce è sicuro della sua affidabilità. Il portiere rossoblù è nato il 29 febbraio, nel giorno che non c’è. Non ha mai giocato in A e in B, solo tanta gavetta in C e in D per lui. Ha iniziato nelle giovanili del Parma nel 2010, quando c’erano Dzemaili e Mirante, suoi compagni ora a Bologna. Poi tanta gavetta con le maglie di Bagnolese, Renate, Savoia, Melfi, Siracusa.

L’annata migliore l’ha vissuta proprio in Sicilia con il raggiungimento dei playoff (il suo soprannome era Mr Fantastic) chiudendo l’annata con 12 partite (su 37 giocate) senza subire gol. Il giocatore è stato acquistato su segnalazione di Luca Bucci, preparatore dei portiere dei felsinei. Sarr è stato mandato in prestito, Ravaglia, 18enne della Primavera che oggi andrà in panchina, è ritenuto troppo acerbo. Il portiere ha un contratto fino al 2020 da circa 100mila euro più bonus. Ben strutturato fisicamente, 192 centimetri per 96 kg, il portiere rossoblù si è fatto apprezzare dai suoi compagni sin dai primi giorni di ritiro. E’ dotato di grande prestanza fisica e di una buona tecnica, sulla quale non ci sono dubbi. Oggi Antonio dovrà dimostrare di avere soprattutto una grande tenuta mentale. Il Bologna spera di ribattezzarlo in San…Turro!