Belotti dice tutto: «Il gol arriverà, non è un’ossessione. Voglio l’Europa League col Toro»

Iscriviti
belotti
© foto www.imagephotoagency.it

Andrea Belotti non sta vivendo il suo momento migliore, tra infortunio e disfatta con la Nazionale, ma pensa positivo e guarda avanti

Eravamo abituati a vedere il Gallo Belotti segnare a ripetizione e decidere le partite praticamente da solo, cosa che adesso non gli riesce ma il centravanti non si deprime affatto, anzi. Ecco come ne ha parlato ai taccuini de Il Corriere della Sera: «Il gol tornerà, non è un’ossessione. Se batterò ancora i rigori? Ho mai detto di voler smettere? Ora con il Toro lavoriamo tutti per conquistare subito un posto in Europa League. Poi, nel tempo, magari arriverà qualcosa in più. Io mi nutro di sogni, non mi accontento».

Belotti, quindi, si concentra sulla Nazionale: «Tutti eravamo tristissimi, gli italiani lo erano. Io ho scaricato l’amarezza subito, ho visto altri piangere negli spogliatoi, altri ancora lo avranno fatto una volta tornati a casa. Come può risalire il calcio italiano? Restando tutti uniti, Federazione, staff, tecnico, giocatori: è sempre stata questa la forza dell’Italia». Domenica c’è il Milan sulla strada dei granata: «Sarà dura, quando giochi a San Siro lo è sempre. Sappiamo che il Milan ha acquistato anche quest’anno giocatori importanti. E quando ci sono tanti nuovi arrivi l’allenatore ha bisogno di tempo per far crescere il gioco della squadra». E infine sulla clausola rescissoria: «Non c’è nessuna pressione in più».