Bizzotto durissimo contro la Samp: «Ferrero? non conta nulla in società»

Bizzotto durissimo contro la Samp: «Ferrero? non conta nulla in società»
© foto www.imagephotoagency.it

Il copresidente della Vis Bizzotto sul presidente doriano:«Ferrero? Non conta nulla. È solo uno stipendiato»

Sampdoria e Vis Pesaro sono da mesi in rapporti stretti. Il club marchigiano è infatti partner  tecnico dei blucerchiati. All’atto pratico però la Vis si presenta quasi come una seconda squadra dei genovesi, infatti molti giovanissimi giocatori doriani hanno iniziato la loro carriera nel calcio professionistico al Benelli. Visti i rapporti tra le due società hanno quindi fatto parecchio discutere le parole rilasciate dal copresidente della Vis Pesaro Roberto Bizzotto sul presidente Ferrero.

Bizzotto domenica si trovava al Ferraris per assistere a Samp-Parma, dopo aver speso belle parole per il club doriano il copresidente marchigiano si è lasciato andare a parole non troppo lusinghiere nei confronti di Ferrero: «In realtà non conta nulla in società, dietro  di lui c’è un’importante famiglia Genovese. Lui è semplicemente uno stipendiato, un presidente messo lì e che non investe nulla. Noi no abbiamo quasi rapporti con lui. È un personaggio che fa discutere e fa audience e basta. Ma se si vuole parlare seriamente con qualcuno in società, bisogna andare dall’avvocato Romei o altri dirigenti. Detto questo, io gli ho riferito che noi puntiamo ad arrivare in Serie B e abbiamo solo bisogno di un giocatore che faccia la differenza».

Ovviamente queste dichiarazioni hanno fatto molto discutere costringendo la società marchigiana a scusarsi tramite un comunicato stampa: «La Vis Pesaro comunica che quanto dichiarato dal signore Roberto Bizzocchi non rappresenta in alcun modo il pensiero della proprietà e dei dirigenti della Vis Pesaro. A riguardo è stato convocato in serata un C.d.A. straordinario per la valutazione di quanto dichiarato e gli opportuni interventi. Il presidente Marco Ferri ribadisce che la partnership tecnica con U.C. Sampdoria è nato per il  merito e grazie agli eccellenti rapporti con il presidente Massimo Ferrero ed è profondamente dispiaciuto di quanto accaduto».