Connettiti con noi

Hanno Detto

Conferenza stampa Juric: «Torino in costruzione, ma poste le basi per migliorare»

Pubblicato

su

Juric

L’allenatore del Torino Juric ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della partita contro il Verona

Ivan Juric, allenatore del Torino, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della partita contro il Verona.

TORINO IN COSTRUZIONE – «Il Toro ha fatto grandissimi passi in avanti, ha messo le basi per migliorare tutto ma sono solo le basi. Va benissimo e ci sono tante cose positive, adesso vediamo se riusciamo a fare un gruppo forte. Penso sia un Toro in costruzione, abbiamo posto le basi anche come modo di giocare. Ancora non siamo fluidi in certe situazioni, ma qualcosa abbiamo fatto. Adesso dobbiamo lavorare tanto e migliorare tanto su certi aspetti. Io mi auguro che si possa migliorare».

RITORNO A VERONA – «Sarà un grandissimo piacere ritrovare soprattutto i giocatori, ma tutto l’ambiente con cui ho lavorato e dove mi sono trovato più che bene, sono stato molto felice. Addio? In quel momento mi sentivo così, avevo vissuto due anni molto intensi. Ci ho messo anche tantissimo cuore ed arrivi ad un punto in cui hai bisogno di cambiare. Ma guardando indietro è stato bellissimo costruire quello che abbiamo fatto e rivedere ancora quello spirito che abbiamo portato. Sono molto soddisfatto di quello che ho visto anche quest’anno. Guardando indietro sono felice di quello che si è creato e che non è stato semplici».

INDISPONIBILI – «Bremer non giocherà queste due partite, anche Singo si è operato per anticipare i tempi in vista del prossimo anno. Sono esempi di due giocatori che hanno stretto i denti. Bremer ha lavorato con un dolore alla caviglia, è giusto che ora si curi e si metta a posto. A livello di problematiche e a livello di testa è normale, ci sono giocatori che hanno dato tanto. Ho fatto questi due esempi ma ce ne sono tanti. Domani mi aspetto una gara in cui il Verona vorrà fare il record di punti, noi dovremo essere pronti anche mentalmente altrimenti la perdi».