Delio Rossi: «Ljajic? Storia chiusa ma è sempre incostante»

delio rossi ljajic
© foto www.imagephotoagency.it

L’intervista odierna dell’ex tecnico della Fiorentina, attualmente senza squadra dopo l’ultima esperienza con il Bologna, torna sulla famosa lite del 2013 con Ljajic

Delio Rossi ha voglia di ritornare ad allenare. Intervistato dall’edizione odierna di Tuttosport, l’allenatore romagnolo ha rilasciato alcune dichiarazioni in vista di un possibile ritorno in sella: «Nazionali africane? Qualcosa in ballo c’è. Vedremo. Dopo la fine del rapporto con il Bologna, ho ricevuto varie proposte in Italia e all’estero. Ho avuto anche dei contatti per una Nazionale asiatica. Non ho problemi a spostarmi, nel caso. L’importante è poter credere in un progetto. Ljajic? Quella è una storia chiusa da tanti anni e non influenza in nessun modo il mio giudizio sul giocatore. Precisato questo, dico che mi pare molto maturato. Ai miei tempi era molto giovane. Era arrivato a Firenze a 19 anni con l’etichetta del fenomeno, e questo non lo ha aiutato, visto il carattere. Ma lo trovo ancora incostante: fa vedere solo a sprazzi la sua grande qualità. E’ l’ulteriore step che deve salire. Irritante? Fa parte del suo carattere. Non lo fa apposta. Ma lo conosco, è il primo che ci sta male. Giocatori con il loro talento e il loro carattere, se sono in giornata ti fanno vincere, se no diventano irritanti, è vero».