Connettiti con noi

Hanno Detto

Eriksen: «Conte impressionante. Menomale che l’ho capito…»

Pubblicato

su

Il centrocampista Christian Eriksen ha parlato in una lunga intervista a La Gazzetta dello Sport della sua particolare stagione con l’Inter

Da separato in casa e pronto all’addio a pedina fondamentale della seconda parte di stagione dell’Inter tricolore. Antonio Conte lo ha capito e Christian Eriksen si è messo a disposizione della squadra. Ecco le sue parole sul trionfo nerazzurro a La Gazzetta dello Sport.

RIVINCITA PERSONALE – «Non ho da prendere rivincite con nessuno. Io gioco semplicemente a calcio e a volte le cose vanno bene, altre male. Questo sport cambia velocemente, praticamente ogni settimana»

NUOVO RUOLO – «Mi piaceva come giocavo prima e mi piace come gioco ora. Non è cambiato tutto in pochi mesi, faccio solo cose diverse e ho un trofeo sul curriculum: forse per questo gli altri ora mi vedono migliore»

RAPPORTO CON CONTE – «Io mi sono messo subito a disposizione ma all’inizio non avevo capito una cosa: dovevo sempre seguire il sistema Conte con tutte le giocate che aveva preparato per la squadra. Prima ero più abituato all’intuito e prendevo decisioni in un secondo in base a quello che vedevo. Invece col mister c’è sempre un piano generale da seguire. Lui è impressionante: mi aveva già rubato un titolo col Chelsea. Dove va vince»

SAN VALENTINO – «Sei mesi fa potevo essere considerato fuori dal progetto, poi è cambiato tutto. Credo nel destino: dalla partita con la Lazio non sono più uscito e si è giocata il 14 febbraio, il giorno del mio compleanno».