Infortunio Bernardeschi: convocato per l’Atalanta

infortunio bernardeschi
© foto www.imagephotoagency.it

Nuovi guai in casa Fiorentina, infortunio Bernardeschi: il numero 1′ non sarà disponibile per la sfida contro il Torino per un problema alla caviglia sinistra, ecco il report medico viola

Infortunio Bernardeschi: convocato per l’Atalanta – 5 marzo

Problema risolto? Sembrerebbe di sì! Federico Bernardeschi è stato inserito nella lista dei convocati per la trasferta di Bergamo. La Fiorentina scenderà in campo alle ore 12:30 allo stadio Atleti Azzurri d’Italia e Sousa potrà contare nuovamente sul suo numero 10: «Bernardeschi non si è allenato ma ha dato sempre la sua disponibilità perché è un valore aggiunto della società».

Infortunio Bernardeschi: molto in dubbio per Bergamo – 4 marzo, ore 9.11

La rifinitura di oggi sarà decisiva per Federico Bernardeschi ma al momento il dieci viola è molto lontano dalla possibilità di scendere in campo con l’Atalanta. Da Firenze non trapela ottimismo ma comunque il ragazzo ha voglia di esserci e farà di tutto oggi per convincere Sousa a convocarlo, sebbene i problemi alla caviglia non siano del tutto passati. Le infiltrazioni non si possono fare, le ha già subite pochi giorni fa e non gli farebbero bene, l’impressione è che il possibile forfait sia più una misura precauzionale per finire al meglio la stagione e non rischiare ricadute nelle prossime settimane.

Infortunio Bernardeschi: si allena ancora a parte, in dubbio per l’Atalanta – 3 marzo, ore 21.10

Federico Bernardeschi, calciatore della Fiorentina, resta in dubbio per la partita contro l’Atalanta. Il giocatore continua ad allenarsi a parte. Anche questa mattina il giocatore non ha lavorato con il gruppo e a questo punto sarà decisiva la rifinitura in programma domani. Problemi anche per Ilicic, squalificato Saponara: tanti problemi per Paulo Sousa in vista della gara di Bergamo.

Infortunio Bernardeschi: progressi in vista dell’Atalanta – 2 marzo, ore 17

Federico Bernardeschi potrebbe essere convocato per la sfida di domenica contro l’Atalanta. Il trequartista della Fiorentina, infatti, dopo le terapie è tornato ad allenarsi sul terreno di gioco. Novità importanti arriveranno di certo dall’allenamento mattutino di domani.

Infortunio Bernardeschi, Sousa prova a recuperarlo per l’Atalanta – 1 marzo

Federico Bernardeschi, trequartista della Fiorentina, uno dei migliori giocatori viola in questa stagione, ha saltato la gara con il Torino di domenica scorsa per un problema alla caviglia. Secondo “Il Corriere dello Sport” il recupero del numero 10 per la prossima sfida di Bergamo, contro l’Atalanta, non è affatto scontato: Sousa proverà a recuperarlo e in questo senso saranno decisive le prossime 48 ore.

Infortunio Bernardeschi: è giallo – 27 febbraio, ore 7.05

Nel comunicato della Fiorentina si parla di dolore persistente alla caviglia e di infiltrazioni eseguite dallo staff medico per permettere al giocatore di rimanere in campo per le ultime due gare, nello specifico quelle di Europa League contro il Borussia Mönchengladbach. In entrambe le partite Sousa ha tolto Bernardeschi e, specialmente nell’ultima, è stato l’oggetto della contestazione da parte dei tifosi. Mai però il tecnico ha accennato ai dolori alla caviglia, quindi nasce un giallo alla Fiorentina. L’infortunio tenuto nascosto non è andato giù a molti fan, che esigevano spiegazioni.

Infortunio Bernardeschi, le ultime

Infortunio Bernardeschi, nuovi problemi per Paulo Sousa in vista di Fiorentina – Torino, in programma domani e valida per la 26^ giornata di Serie A. Federico Bernardeschi infatti ha accusato un problema alla caviglia sinistra e non sarà arruolabile per la sfida ai granata, ecco il report medico ufficiale: «Si comunica che l’atleta Federico Bernardeschi non sarà disponile per la gara di domani a seguito del persistere della dolorabilità alla caviglia sinistra, sede di trauma contusivo-distorsivo subito durante la gara contro l’Udinese il 12 febbraio. La disponibilità dell’atleta alle successive gare già effettuate è stata resa possibile anche grazie ad infiltrazioni locali, che non possono però essere ulteriormente proseguite data la presenza di una sofferenza edematosa ossea significativa. L’atleta prosegue pertanto il percorso riabilitativo in funzione della disponibilità per la prossima gara».