Gattuso contro Sarri: «Meglio giocare ogni tre giorni. Complimenti? Li vivo male»

gattuso milan
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Rino Gattuso, allenatore del Milan, in conferenza stampa, alla vigilia della sfida di Europa League con il Ludogorets

Torna l’Europa League. Il Milan è volato in Bulgaria dove domani affronterà il Ludogorets. Il tecnico ha parlato in conferenza stampa partendo dal poco turnover previsto per domani: «Siamo in un buon momento e voglio dare continuità. Arriverà il momento degli altri e non c’è il rischio di non dare loro fiducia. Sto cambiando poco perché in settimana non vedo stanchezza. Rifinitura a Milanello? Eravamo attesi da 5 ore di viaggio, la schiena può risentirne e sarebbe stato assurdo farla qui. Moti? Non parlo dei singoli perché il Ludogorets è una squadra a cui non devi lasciare il campo. Hanno dei giocatori offensivi importanti e dovremo stare attenti».

Prosegue l’allenatore rossonero: «C’è rispetto, perché negli ultimi sei anni ha frequentato l’Europa più del Milan. Loro hanno caratteristiche ben precise, non dobbiamo lasciargli campo e non dobbiamo sottovalutarli. Vittoria dell’Europa League? Sarebbe assurdo pensarci ora come ora. Noi dobbiamo andare avanti senza fare calcoli. Scarsa esperienza internazionale dei giocatori? Ci deve esser sempre la prima volta. I complimenti della critica? Sto vivendo male questo momento perché ho sempre sofferto i complimenti. Le parole di Sarri? C’è meno tempo per recuperare ma per me è un grande privilegio giocare in Europa: metterei la firma per fare questo lavoro e giocare ogni tre giorni».