Il presidente della Spal torna a parlare del VAR: «Con la moviola l’arbitro ha le mani legate»

spal mattioli
© foto www.imagephotoagency.it

L’intervento di Colombarini, il presidente della Spal, al termine del match contro il Sassuolo pareggiato grazie all’intervento del VAR

La complicata gestione dell’episodio del rigore assegnato dall’arbitro Abisso alla Fiorentina nei minuti finali del match contro l’Inter, ha riportato alla mente quanto già accaduto proprio la scorsa settimana nella sfida che vide protagonista la stessa viola contro la Spal. Sulla gestione del VAR è tornato a parlare il presidente della Spal, Simone Colombarini che a corollario del commento sul pareggio tra Sassuolo e ferraresi, ha criticato nuovamente la gestione del VAR. Il club ferrarese è stato protagonista nuovamente di un caso da VAR che stavolta ha favorito i ferraresi: «L’attesa del VAR è stata lunga proprio come avvenuto domenica scorsa – sono state le parole di Colombarini – ma dobbiamo attenerci al protocollo. Non mi sono mai chiesto se fosse rigore o meno, è il VAR che decide e nel momento in cui interviene l’arbitro non ha scelta, ha le mani legate. Oggi l’ha rivisto e ha dovuto modificare la decisione a nostro favore».

Il rigore assegnato dall’arbitro Maresca, ha consentito al club spallino di poter pareggiare la per 1-1 il derby contro il Sassuolo, grazie a Petagna che dal dischetto non ha fallito.