La Juventus manca il colpo del k. o.

© foto www.imagephotoagency.it

La Juventus pareggia con l’Udinese e manca il colpo del K.O. I bianconeri non possono rilassarsi: le prossime gare non saranno semplici

La Juventus di Massimiliano Allegri, dopo 7 vittorie consecutive, si ferma alla Dacia Arena di Udine, pareggiando 1-1 contro la squadra allenata da Luigi Delneri. I bianconeri, dopo la sconfitta della Roma ad opera del Napoli, aveva la possibilità di portarsi a +10 dai giallorossi, chiudendo difatti il campionato. Al termine della gara, il tecnico Allegri ha parlato di punto guadagnato da parte della Vecchia Signora, ma è veramente così?  La Juventus resta comunque a +8 in classifica, un distacco ugualmente molto ampio, ma è impossibile non parlare di un match point sprecato. Il pareggio con l’Udinese, il primo della stagione per gli uomini di Allegri, consegna alla Roma ancora una piccola speranza. E’ Come se si fosse trattato di un match di pugilato, dove uno dei due atleti sul ring manca il pugno del K.O., concedendo all’avversario di riprendere fiato per il prossimo round.

IL CALENDARIO BIANCONERO: NON UNA PASSEGGIATA

Quando sei a +8 dalla seconda in classifica ed hai quasi ipotecato il passaggio del turno in Champions League, è forse ingiusto parlare di “preoccupazione”, ma la Juventus in questo momento non può permettersi distrazioni. Il pareggio ad Udine, dove i bianconeri hanno mostrato un gioco molto lento con pochi tiri nello specchio della porta, deve essere assolutamente un fatto isolato. Non c’è spazio per i cali di concentrazioni, dato che la Juventus nelle prossime gare affronterà il Milan ed il Porto allo Stadium, la Sampdoria e il Napoli in trasferta. Se la gara con i portoghesi, valida per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League, sembra essere solo una formalità dopo il 2-0 dell’andata, le tre gare di campionato metteranno i bianconeri a dura prova. Venerdì c’è il Milan: i rossoneri, dopo un periodo negativo, hanno ricominciato a correre, vincendo le ultime 4 partite. La squadra di Vincenzo Montella quest’anno ha già creato non pochi problemi alla Juventus, battendola sia all’andata che in finale di Supercoppa Italiana. Servirà concentrazione da parte dei bianconeri, anche perché, sebbene a livello tecnico la squadra di Allegri sia superiore, una partita come JuventusMilan, dà ai calciatori motivazioni che possono annullare la differenza di qualità. Successivamente ci saranno prima la Sampdoria e poi il Napoli: i blucerchiati non perdono in casa dalla 16ª giornata, e a Genova hanno battuto anche la Roma. Il match con i partenopei è probabilmente quello più pericoloso per Dybala e compagni. Nonostante gli alti e bassi vissuti dagli uomini di Sarri al San Paolo in questa stagione, quella con la Juventus è per l’ambiente napoletano sempre una partita speciale, e quest’anno lo è forse ancor di più visto quel che è accaduto in Coppa Italia, ma soprattutto per il ritorno di Gonzalo Higuain al San Paolo. La Juventus, dunque, nonostante l’ampio vantaggio non ha tempo per rilassarsi: le prossime partite, come ha affermato lo stesso tecnico bianconero al termine del match con i friulani, vanno vinte.