Connettiti con noi

News

L’emozione del calcio online grazia alla digitalizzazione! Secondo i dati UE l’Italia ha ancora molta strada da fare

Redazione CalcioNews24

Pubblicato

su

L’utilizzo dello streaming per guardare le partite si sviluppa sempre di più, per supportare la richiesta serve una rete e una digitalizzazione solida, ma secondo l’UE l’Italia deve ancora raggiungerla.

Qual è il modo migliore per vivere il calcio? Certo dal vivo non ci sono paragoni ma, a causa dell’emergenza Coronavirus, molte abitudini stanno cambiando, anche la modalità per assistere alle partite della vostra squadra del cuore. La soluzione più versatile e comoda è sicuramente lo streaming: ci sono infatti tantissimi siti che permettono di vedere il campionato, la Champions e anche partite minori nella comodità di casa, in viaggio e su qualsiasi dispositivo come pc, tablet e cellulare. 

La possibilità di guardare le partite in rete sembra soddisfare tantissimi appassionati, ma l’Italia, in fatto di digitalizzazione potrebbe fare molto di più: aumentando la qualità, l’efficienza, la velocità del segnale e l’immediatezza nell’accesso in rete.

Il Belpaese è infatti uno degli ultimi Stati nell’analisi europea DESI per l’anno 2020. Ma vediamo meglio in cosa è carente e come potrebbe migliorare per andare incontro agli utenti e alle aziende.

I risultati DESI 2020 per l’Italia

Il punteggio finale ottenuto dall’Italia è di 43,6 punti rispetto ai 52,6 della media europea. Ma come si è arrivati a questa cifra? Il DESI (Indice di Digitalizzazione dell’economia e società) ha valutato diversi parametri tra cui la connettività a banda larga, le competenze digitali, l’uso di internet, la digitalizzazione delle imprese e la diffusione e utilizzo dei servizi pubblici digitali.

Da questa analisi, sottoposta a tutti gli Stati membri dell’UE, è emerso che l’Italia ha ancora molta strada da fare nel campo della digitalizzazione nonostante ci sia stato un incremento sulle reti ultraveloci rispetto al 2019. Vediamo dove serve un incremento:

  • Connettività. Nonostante il 5G sia valutato a buon punto sul territorio italiano così non è per la diffusione della banda larga e ultralarga ad almeno 100 Mbps che è inferiore alla media UE. Tra i paesi europei circa il 78% delle famiglie possono utilizzare la banda larga e il 26% hanno a disposizione la banda ultralarga mentre in Italia solo il 61% delle famiglie ha a disposizione la banda larga e la percentuale per quella ultralarga cala al 13%.
  • Competenze digitali. Questo risulta essere il dato peggiore per l’Italia, a usare internet è solo il 74% dell’intera popolazione e unicamente il 42% dei cittadini hanno delle competenze di base in materia di rete contro una media UE che si aggira sul 58%. In pochi possono poi vantare competenze avanzate, poco meno di 1 italiano su 4 (22%) rispetto al 33% degli altri stati membri.
  • Utilizzo dei servizi internet. In Italia circa il 17% della popolazione non ha mai usato internet contro il 9% della media europea. L’utilizzo della rete si concentra soprattutto sullo streaming video e audio come l’ascolto di musica o la visione di film e, come già confermato, dello sport in streaming e soprattutto del calcio.

Tutte queste carenze nel campo del digitale e del web possono e devono essere migliorate nel corso degli anni, anche e soprattutto dopo la pandemia da COVID-19 che ha portato alla luce la centralità e l’importanza delle connessioni. Lo sanno bene molte compagnie telefoniche e di rete come Vodafone che, con con le sue reti 4G, 4G+, 5G e in fibra ottica raggiunge quasi il 100% del territorio italiano, offrendo a famiglie e imprese una rete veloce e affidabile.

Advertisement