Liga incredibile: i dolori di Barcellona e Real, a secco prima del Clasico

Iscriviti
Barcellona kroos busquets real madrid-barcellona clasico
© foto www.imagephotoagency.it

La Liga ha sentenziato la doppia battuta d’arresto di Barcellona e Real Madrid: prima del Clasico non accadeva dal 2003

La Liga 2020/21 dà tutta l’aria di poter riservare parecchie sorprese. Vedere per credere i risultati della 6^ giornata, nella quale a pochissime ore di distanza sia Barcellona che Real Madrid sono cadute con lo stesso risultato (0-1), continuando a manifestare parecchie difficoltà nella costruzione di un solido e convincente impianto di gioco. E sabato prossimo, il primo Clasico della stagione potrebbe lenire o esaltare le sofferenze di questo ottobre.

La restaurazione Orange in blaugrana è ancora ben lontana dal concretizzarsi: Ronald Koeman avrebbe voluto con sé i connazionali Depay e Wijnaldum per poter entrare a piedi uniti in un spogliatoio che non appare granché coeso. Il mal di pancia di Messi con la Presidenza si unisce alla richiesta ufficiale del club di tagliare gli ingaggi del 30%. Una richiesta che il gruppo giocatori avrebbe rifiutato con forza, ma senza un fronte comune: secondo alcuni media catalani, infatti, Ter Stegen, De Jong e Lenglet si sarebbero smarcati dai compagni di squadra e sarebbero disposti ad accettare le richieste della società. Ecco perché, la sconfitta di Getafe stupisce fino a un certo punto e sul banco degli imputati salgono ancora una volta Griezmann e Dembele: la coppia francese è costata nel complesso 225 milioni di Euro, ma il rendimento continua a essere deficitario anche con il nuovo tecnico.

Se Atene piange, Sparta non ride: contro il Cadice è infatti arrivata una clamorosa sconfitta interna per il Real Madrid, sempre al comando della Liga ma lontano parente di quello che dominava l’Europa fino a un paio di stagioni fa. Il ritorno di Zidane in panchina non ha ancora sortito l’effetto revival che si attendeva e stupisce non poco la penuria realizzativa dei Blancos. La miseria di sei reti in cinque partite, una mediocrità offensiva che da tempo non si vedeva da quelle parti: quando stecca Benzema, Jovic non è in grado di risolvere problemi, mentre Isco appare sempre più irriconoscibile rispetto al passato. L’assenza pressoché totale di una campagna acquisti estiva ha fatto poi il resto e, oltretutto, anche le recenti cessioni alle milanesi di Theo Hernandez e Hakimi gridano vendetta alla luce delle deludenti prestazioni dei vari Carvajal e Marcelo. Se contro il Cadice il migliore tra le Merengues è stato Courtois, ecco, abbiamo decisamente qualche problema.