Il caso Koulibaly non ha insegnato nulla: “buuu” a N’Koulou e Meité?

Il caso Koulibaly non ha insegnato nulla: “buuu” a N’Koulou e Meité?
© foto www.imagephotoagency.it

Ancora brutti episodi durante una gara di calcio. Buu razzisti nei confronti di N’Koulou e Meité in Lazio-Torino

La mamma dei cretini è sempre incinta e continua a sfornare dei soggetti che poco hanno a che vedere con il mondo del calcio (e non solo). Il ‘caso Koulibaly’, purtroppo, ha fatto scuola ma non nel verso giusto. La sfida tra Lazio e Torino ha alimentato le polemiche dal punto di vista arbitrale ma non sarebbero mancati dei nuovi episodi di matrice razziale. C’è chi sostiene di aver udito durante la partita dei buu coperti dai fischi all’indirizzo dei giocatori di colore del Torino N’Koulou, al 31’ del primo tempo, e Meité, al 90’, ma non è stato confermato da parte granata.

Di sicuro non è stata una giornata di ‘tregua’ e di riflessione. Come riferisce La Gazzetta dello Sport, i tifosi del Toro e del Bologna si sono resi protagonisti di un altro ‘memorabile’ evento, con una sorta di guerriglia in autogrill. All’Olimpico invece problemi in Curva Nord con i tifosi che credevano di esporre uno striscione  con la scritta «Un ultras non muore mai… Daniele con noi», per ricordare Belardinelli, tifoso del Varese scomparso di recente durante la lotta tra ‘tifosi’ di Inter e Napoli. Di fronte al divieto, per protesta hanno abbandonato le gradinate più in basso e per tutto il primo non hanno tifato.