Milan, Berlusconi ancora a NY. Non cambiano i programmi

pier silvio berlusconi
© foto www.imagephotoagency.it

Resta programmato per metà ottobre l’incontro tra Berlusconi e i cinesi. Il patron del Milan ancora fermo a New York per motivi di salute

Doveva essere solo una visita di controllo quella di Silvio Berlusconi al Presbyterian Columbia University Medical Center di New York, ospedale nel quale era stato operato al cuore qualche anno fa. Invece si è trasformata in una degenza un po’ più lunga: dopo l’atterraggio negli Usa, Berlusconi ha accusato un lieve malore che ha spinto i medici a monitorare le sue condizioni fisiche.

ACCERTAMENTI E DIMISSIONI. Il ricovero non è durato molto, ieri l’ex Premier è stato dimesso e, tramite la documentazione medica presentata dagli avvocati di Berlusconi, si evince che sia stata una precauzione presa per effettuare alcuni esami: «Dopo una serie di approfonditi accertamenti, che hanno escluso problemi di natura cardiovascolare il presidente Berlusconi è stato dimesso con indicazione di rimanere a New York sotto controllo sanitario».

TELEFONATA A MONTELLA E RIENTRO IN ITALIA. Non cambiano i programmi di Berlusconi che ha avuto modo di seguire il suo Milan anche da New York. Dopo il successo contro il Sassuolo ha perfino chiamato Vincenzo Montella per complimentarsi, come l’allenatore ha affermato dopo la gara: «Mi ha telefonato Berlusconi, ci ha fatto i complimenti». Resta fissato, a data ancora da destinarsi ma sempre intorno alla metà di ottobre, l’incontro con i componenti del consorzio cinese che dovrebbero rilevare la proprietà del Milan. Il ritorno di Berlusconi in Italia dovrebbe essere pertanto imminente.