Italia, Mino Raiola nel ritiro della Nazionale: Fabbricini non gradisce e sgrida l’agente

mino raiola milan
© foto www.imagephotoagency.it

Mino Raiola infrange una regola non scritta per la Nazionale: l’agente si fa vedere nel ritiro dell’Italia per parlare coi suoi assistiti – 3 giugno

Mino Raiola è stato nel ritiro della Nazionale in Francia per fare visita ai suoi assistiti. L’episodio però non è piaciuto al commissario Fabbricini che ha parlato con Lele Oriali, team manager della Nazionale, avvisandolo: «Questo episodio non dovrà più ripetersi». Un tempo la Nazionale era aperta alle visite dei procuratori, ora la musica è cambiata e Raiola è stato avvisato.

Retroscena sull’Italia: Mino Raiola nel ritiro della Nazionale – 2 giugno

L’Italia perde contro la Francia in amichevole a Nizza, ma a far notizia è altro. Un retroscena delle ultime ore fa tornare in auge quel regolamento non scritto che vige all’interno della Nazionale: Mino Raiola ha fatto visita ai suoi assistiti nel ritiro azzurro. Da tempo è una regola dell’Italia non permettere l’arrivo di agenti o procuratori all’interno della sede del ritiro. Stando alle notizie riportate da Il Corriere dello Sport, Raiola sarebbe venuto meno a questo patto e avrebbe incontrato sia Mario Balotelli, sia Giacomo Bonaventura, Lorenzo Insigne e Gianluigi Donnarumma (anche Marco Verratti è nel suo giro, ma è infortunato).

Sia sui social che sui mezzi d’informazione è rimbalzata la notizia del “bunker” infranto da Raiola. A molti è parsa strana la sua presenza in ritiro all’Hotel Ac Marriot di Nizza, dopo le sue recenti sparate contro la Federcalcio e la Nazionale. Poco prima della doppia amichevole con Luigi Di Biagio (sconfitta con l’Argentina, pari con l’Inghilterra), Raiola andò contro la Nazionale per via della mancata convocazione di Balotelli. Adesso può esultare perché ha ben quattro assistiti in azzurro, potenzialmente cinque con il ritorno di Verratti. Chissà se continuerà a farsi vedere in ritiro o meno.