La panchina di Montella scricchiola: contro l’Atletico come una finale

La panchina di Montella scricchiola: contro l’Atletico come una finale
© foto www.imagephotoagency.it

La sconfitta contro l’Alaves mette la panchina di Montella al Siviglia già in bilico. Sarà decisiva la sfida di mercoledì contro l’Atletico Madrid, andata dei quarti di finale di Coppa del Re

La seconda sconfitta consecutiva in Liga, ottenuta contro l’Alaves, fino a ieri terzultimo in classifica, ha nuovamente messo Montella al centro delle polemiche. Il debutto, con vittoria e passaggio del turno in Coppa del Re, aveva fatto pensare a una rinascita della squadra andalusa, dopo le sei sconfitte ottenute da Eduardo Berizzo. Ma qualcosa non è andato come auspicato e il cammino in Liga, se possibile, è addirittura peggiorato, con il sorpasso del Villarreal e il pericoloso avvicinamento di tutte quelle squadre che sembravano lontane dal poter conquistare un pass per l’Europa League.

La posizione di Montella, anche se pare difficile ammetterlo, sembra già appesa a un filo, dopo le sconfitte con Betis Siviglia e Alaves. Come riportato stamani da Tuttosport, il tecnico ex Milan è costretto a fronteggiare l’offensiva della tifoseria, esasperata dal rendimento della squadra e dalle scelte di José Castro e Oscar Arias, Presidente e Ds dei Los Nervionenses . L’obiettivo di Montella deve, dunque, essere quello di ricreare un clima il più possibile tranquillo e armonioso, sebbene l’opinione pubblica l’abbia già messo in croce, definendolo «colui che è riuscito a elevare Berizzo al livello di Helenio Herrera» (As). Sebbene, per forza di cose, le colpe del tecnico campano siano minime, dal momento che siede sulla panchina bianco-rossa da sole due settimane, è compito suo risollevare il morale di una squadra a pezzi. E per questo, la sfida di mercoledì prossimo contro l’Atletico Madrid, andata dei quarti di finale di Coppa del Re, sarà come un’autentica finale, dove l’unico risultato ammissibile dovrà essere la vittoria.