Connettiti con noi

Hellas Verona News

Pecchia: «Ripetiamo con l’Inter la stessa prestazione di Bergamo»

Pubblicato

su

Nel posticipo di lunedì sera contro l’Inter non va snaturata l’identità di gioco. Pecchia «Non firmo per un pareggio, ma per una belle prestazione».

Lunedì sera l’Hellas Verona di Fabio Pecchia riceverà al Bentegodi l’Inter lanciata verso i primi posti di classifica. Carta alla mano sembra un risultato scontato, ma mister Fabio Pecchia non si dà già per battuto.

«Incontriamo una squadra di grandissimo valore, ma io mi concentro sulla presta dei miei. Le gare a volte sono determinate da episodi e da errori commessi. Vogliamo fare un calcio propositivo e ottenere dei risultati. Anche mercoledì abbiamo commesso degli errori, ci rammarica e poi ci siamo lasciati andare, ma per 50 minuti abbiamo lottato e questo è quello che dobbiamo fare anche lunedì sera. Sarà una sfida stimolante per i giocatori che si confrontano con una grande squadra ma anche per me che ho di fronte un grande allenatore».

Pecchia, però, è ancora con gli uomini contati, soprattutto in difesa. «Mi spiace avere fuori giocatori di un certo valore perchè questo incide sulla rosa e di conseguenza sulla qualità. Caceres, Valoti e Ferrari non sono disponibili e dietro probabilmente la copia centrale sarà formata ancora da Suprayen e Caracciolo, dietro non c’è molto da scegliere e interpretare».

E proprio la difesa è uno dei punti deboli del Verona che fino ad oggi ha subito 22 gol. «Fa rabbia subire gol, però per fare risultato dobbiamo aumentare la casella dei gol segnati, soprattutto quando ci capitano tante occasioni. Vedo Kean in forte crescita, ha giovane età e grandi potenzialità e il mio compito è metterlo nelle migliori condizioni per esprimersi. Ogni partita si è creato occasioni importanti, io mi preoccupo quando un attaccante non trova la via della porta. Lui si  mosso bene e arriverà il momento in cui avrà anche un po’ più di fortuna. Non ho ancora deciso se mettere lui o Pazzini davanti, ma non è importante chi inizia la partita, un giocatore può essere fondamentale anche a partita in corso».