Roma, Brighi: “L’esonero di Zeman era scontato”

© foto www.imagephotoagency.it

BRIGHI ANDREAZZOLI TORINO ROMA ZEMAN – Matteo Brighi ora gioca nel Torino ma è stato intervistato da Il Romanista per parlare della Roma, squadra nella quale ha giocato a lungo. Ecco le sue dichiarazioni: “Andreazzoli avrà un compito difficile, ma credo che sul piano dello spogliatoio sia una scelta giusta. È una decisione dettata dal cuore, un po’ come quella di Zeman: il boemo è stato preso per rinnovare l’entusiasmo dei tifosi dopo un’annata mediocre. Andreazzoli ora deve ricucire i rapporti coi giocatori. Purtroppo però ha sempre fatto il secondo e non so se sarà in grado di gestire il ruolo. È molto tattico e molto preparato, quello sì, ma non saprei dire come guiderà la squadra. E poi sarà una ventata di normalità, novità in casa Roma da due anni a questa parte. Sicuramente ha ereditato tantissimo da Spalletti, e imparato tanto anche dall’esordiente Montella. Credo che sfrutterà il 4-2-3-1 che usò pure l’attuale tecnico dello Zenit, ma lo vedremo contro la Sampdoria. L’esonero di Zeman era scontato, ora spero che la squadra ingrani e metta una marcia in più per cambiare volto”.