Connettiti con noi

Hanno Detto

Salernitana, Ribery: «Trattativa nata in poco tempo. Io come Maradona? Vi dico che…»

Pubblicato

su

Franck Ribery è stato presentato in conferenza stampa dalla Salernitana. Ecco le dichiarazioni dell’attaccante francese

Giorno di presentazione per Franck Ribery. In conferenza stampa il francese ha rilasciato le prime dichiarazioni da giocatore della Salernitana:

SENSAZIONI – «Mi sento benissimo e sono a disposizione per aiutare la Salernitana a raggiungere la salvezza. E’ importante trovare subito il ritmo, ma sono consapevole che allenarsi con la squadra è tutt’altro rispetto a svolgere una preparazione personalizzata».

SCELTA – «Ho scelto Salerno perchè ho avvertito il calore della piazza, oggi l’abbraccio con il pubblico è stato veramente bello e non vedo l’ora di cominciare».

COME MARADONA – «So che il direttore ha paragonato il mio arrivo a quello di Maradona a Napoli, ma non sono venuto qui per parlare dei titoli che ho vinto. Quando sono al campo non contano le coppe che ho alzato, la mia mentalità  è completamente diversa: ho bisogno di un pochino di tempo, ma già da domani inizierò ad aggregarmi al gruppo e ho parlato con lo staff medico e con l’allenatore per farmi trovare pronto. Ringrazio pubblicamente il generale Marchetti e il direttore sportivo Fabiani».

RUOLO – «Sono un giocatore tecnico, ma so che conta il collettivo e devo aiutare i calciatori più giovani. Il mio ruolo all’interno dello spogliatoio dovrà essere importante, è la comunicazione che fa la differenza».

TRATTATIVA – «La trattativa è nata in poco tempo, ho sentito il direttore sportivo Fabiani e, attraverso una videoconferenza, mi ha trasmesso grande carica emotiva. Non ero ancora arrivato ma ho avvertito amore, anche da parte dei tifosi. L’ho apprezzato moltissimo e questo ha inciso significativamente sulla mia scelta».

TIFOSI – «Non potevo rispondere a tutti, ma reputo incredibile la passione della gente. Non potrò mai dimenticare la folla che c’era allo stadio per me, riesco ancora ad emozionarmi pur avendo giocato nei più prestigiosi stadi del mondo. Vi ringrazio ancora, tocca a me ripagare la fiducia».