Lemos si presenta: «Qui per crescere. Roma? Solo contatti, felice del Sassuolo»

lemos
© foto www.imagephotoagency.it

Mauricio Lemos è un nuovo calciatore del Sassuolo: intervenuto in conferenza stampa, il centrale difensivo ha parlato della scelta neroverde e ha commentato l’ipotesi Roma

Ottimo colpo in prospettiva per il Sassuolo, che nel corso della sessione di mercato di gennaio si è assicurato le prestazioni del centrale difensivo Mauricio Lemos. Prelevato dal Las Palmas, il classe 1995 si è presentato ai suoi nuovi tifosi: «Sono venuto in Italia per crescere. In Spagna mi sentivo ‘scomodo’ e ho scelto l’Italia perché è il luogo migliore per poter crescere come difensore. Le mie caratteristiche? E’ difficile dare una definizione di me stesso. Sono un giocatore che sa giocare la palla. Punizioni? Spero di fare molti gol, spero di ripetermi. Idolo? In Italia ci sono tanti ottimi difensori, penso a Chiellini, io però mi ispiro a Godin, che è uruguaiano come me».

Continua l’ex Las Palmas: «Sassuolo? Conoscevo la squadra, gioca bene, mi piace. Ho visto la squadra allo stadio contro l’Atalanta e sono molto contento di essere qui e perché in Spagna vivevo una situazione scomoda, non ero tranquillo e ho preso la decisione di andare via. Sono venuto qui per portare le mie caratteristiche e per aiutare la squadra. Clima? Non è la Russia, mi adatterò facilmente. Qui si sta tranquilli, si vive bene, si mangia bene, ho parlato con Aquilani e sono felice. Se gioco contro la Juve? Non lo so, dipende dall’allenatore, decide lui. In Italia ci si basa di più sulla difesa ma credo di potermi adattare presto. La lingua non è un ostacolo, non parlo italiano ma lo capisco bene, non sarà un problema». Prosegue il centrale difensivo, parlando dell’obiettivo Mondiale e dei contatti con la Roma: «Mondiale? Sono venuto qui anche per questo ma tutto dipende da me. Roma? Si è parlato della Roma, ci sono stati dei contatti ma nulla di concreto. La squadra che mi ha voluto di più è stato il Sassuolo e sono felice di questa scelta».

In collaborazione con l’inviato Antonio Parrotto.