Connettiti con noi

Real Madrid

Sergio Ramos: «C’è molta incertezza sul mio futuro. Su Ronaldo e Ibrahimovic…» – VIDEO

Pubblicato

su

sergio ramos

Sergio Ramos ha parlato a margine della presentazione della mini serie di Amazon incentrata sul difensore del Real. Le sue parole

Sergio Ramos ha parlato a margine della presentazione della mini serie Amazon “La Leggenda di Sergio Ramos”. Queste le sue parole riportate da Marca.com.

FUTURO – «Vorrei poter dire qualcosa, ma rimane tutto uguale. Penso solo a tornare e finire la stagione nel miglior modo possibile. Non ci sono notizie del mio rinnovo, vorrei. Sono tranquillo e penso solo a giocare di nuovo e ad assaporare un titolo».

COME VORREBBE ESSERE RICORDATO – «Non puoi accontentare tutti, ma c’è qualcosa che non puoi cancellare: tutto quello che hai vinto. L’unica cosa che mi preoccupa che loro sappiano è che sono tipo vero, che ho lasciato la mia anima per lo stemma del Madrid. Sono onesto, umile e lavoratore. Posso fare altri cinque anni al massimo livello. Se gli infortuni mi rispettano, la mia mentalità mi aiuterà».

CRITICHE A RONALDO – «È il fiore all’occhiello della Juve ed è sotto i riflettori, ma ci è abituato. È come qui a Madrid, quando le cose vanno male guardi il capitano e l’allenatore. Cristiano ci è abituato. Qualsiasi squadra può batterti in Champions League, anche il Barcellona è stato eliminato e spero che a noi non capiti, per aspirare a vincere la Champions ancora».

MENTALITÀ – «Sono sempre stata molto testardo fin da piccolo, mio ​​padre e mio fratello non mi hanno mai permesso di montarmi la testa. Quella mentalità di essere umili e non di gonfiare il petto è educativa. Quando ti educano con quei valori, sono sempre stato un sostenitore della perseveranza e dello sforzo. Mi piacciono i voli, la solitudine dell’hotel e le ore in palestra. Ti regala momenti come giocare una finale di Champions League. La mentalità è sempre stata la mia differenza. La parola vittoria è sempre nella mia testa».

CLASICO – «Ho vissuto tutti i tipi di esperienze nei Classici, buone, cattive … A livello mondiale non c’è niente come questa partita. La soddisfazione di vincere dura tutto l’anno perché è sempre molto decisiva perché con loro giochi i titoli».

IDOLI – «Sono sempre stati un riferimento per me Hierro e Paolo Maldini, anche tanti altri del Siviglia, e poi da lì ho voluto consolidare un Ramos con una propria identità. Penso che non sia stato un male per me, anche se c’è sempre spazio per migliorare».

COMPAGNO PIU FORTE E AVVERSARIO PIU DURO – «Ho avuto la fortuna di condividere uno spogliatoio con i migliori. I due Ronaldo, Beckham, Roberto Carlos … E anche in nazionale, Xavi, Iniesta, Puyol … Mi piaceva prendere un po ‘di ognuno per portarlo a me. Il rivale più forte? Il Barça di Pep, che è stato il miglior Barcellona della storia, ha segnato un’epoca e lì penso sia stato il rivale che ha complicato di più le nostre vite».

IBRAHIMOVIC – «Ho un affetto e un apprezzamento speciali per la sua carriera. È un ‘killer’ differente e distinto, è un esempio per tutti i giocatori che alla sua età vogliono tornare in Nazionale. È motivo di orgoglio per lui e per il mondo del calcio. Non ci sono giocatori giovani e vecchi, ci sono giocatori buoni e cattivi ed è uno di quelli buoni».

RECUPERO DALL’INFORTUNIO – «Finalmente sono tornato con la squadra. Ora arriva la cosa più importante e vorrei aiutare con una grande prestazione. Speriamo di poter vincere un grande titolo e dedicarlo ai tifosi».

Advertisement
Advertisement

Facebook

Advertisement