Connettiti con noi

Editoriale

Serie A: una rimonta del Diavolo, l’Inter si scopre fragile

Pubblicato

su

serie a milan

Il ritorno della Serie A non ha lasciato delusi gli appassionati: Milan, Lazio e Spezia vincono di rimonta

Un sabato di Serie A sotto il segno delle rimonte. Per gli amanti della statistica e della cabala una giornata davvero più unica che rara con tutte e tre le sfide contraddistinte dal medesimo andamento. Chi ha concluso in vantaggio il primo tempo ha infatti finito per perdere il match.

Nel pomeriggio era toccato allo Spezia inaugurare la striscia e mettere nei guai Castori, sempre insensatamente in discussione sulla panchina della Salernitana. Ma in termini di classifica non c’è dubbio che il ribaltone dell’Olimpico sia il più significativo.

L’accoglienza da brividi che i tifosi biancocelesti hanno riservato a Simone Inzaghi è stata di fatto l’unica nota lieta per il tecnico piacentino. La sua Inter ha controllato in sicurezza per un’ora salvo poi riscoprirsi fragile, a livello tecnico-tattico ma soprattutto mentale.

L’ingenuità di Bastoni ha favorito il risveglio della Lazio, l’episodio contestato del vantaggio siglato da Felipe Anderson ha fatto esplodere la polemica e messo sotto scacco i campioni d’Italia, incapaci di mantenere i nervi saldi e di organizzare la riscossa. La settimana con Sheriff Tiraspol e Juventus fornirà indicazioni più chiare sullo stato di salute nerazzurro.

Buon per Milinkovic-Savic e compagni, naturalmente, che ancora non incantano e non riescono a soddisfare del tutto i desideri di Maurizio Sarri, ma se non altro dimostrano di avere orgoglio e tenacia per non naufragare e rialzare la testa.

A proposito di testa, a completare il sabato delle rimonte ecco il capolavoro del Milan. Venti minuti di super Hellas Verona poi la svolta con l’ingresso di Leao che sposta gli equilibri e rilancia i ragazzi terribili di Pioli verso la vetta momentanea. Senza Theo Hernandez e senza Maignan, assenze che il solidissimo gruppo rossonero ha saputo metabolizzare con l’ormai consueta forza e maturità. Sempre più consapevole che la strada verso lo Scudetto sia quanto mai percorribile.